L'effetto Marotta e la nuova Inter: quanti italiani in squadra!

L’effetto Marotta e la nuova Inter: quanti italiani in squadra!


E’ una specie di rivoluzione quella che Tuttosport vede in atto nello spogliatoio interista. La linea dettata da Giuseppe Marotta ha portato a una virata verso l’italianizzazione di uno spogliatoio che per natura è sempre stato eterogeneo. Il dirgente, infatti, considera fondamentale per il successo creare una pietra d’angolo composta da giocatori italiani.

UN’INTER PIU’ AZZURRA CHE NERA

La base per il successo la si trova in casa propria. Parola di Beppe Marotta. E’ questo il diktat che punta a trasformare in parte l’organico dell’Inter. Il dirigente lo ha fatto alla Juve, con Buffon, Chiellini, Bonucci, Barzagli e Marchisio, inaugurando un ciclo tra i più importanti nella storia bianconera. E la presenza in panchina di Antonio Conte, come alla corte degli Agnelli d’altronde, non può che facilitare il processo.

Già negli ultimi anni si era visto un cambiamento di tendenza, con gli arrivi di D’Ambrosio, Ranocchia, Gagliardini, Berni, Padelli, Candreva e Politano. In questa sessione di mercato la lista si è allungata con gli arrivi di Sensi e Barella, e l’integrazione in prima squadra di Esposito. Ora il dirigente varesino punta continuare quanto fatto finora, con uno scopo preciso: rendere lo spogliatoio il più unito possibile, sotto i vessilli di un tecnico come Conte che fa del senso d’appartenenza e della forza del gruppo le forze trainanti delle proprie squadre.

Anche in questo caso la storia (interista) insegna. Già nella stagione 2002-2003 sotto la guida di Hector Cuper la banda godeva di una forte componente italiana. Ben undici erano infatti i giocatori del bel paese agli ordini dell’Hombre vertical. Quell’anno fu secondo posto in campionato e semifinale di Champions. Non un brutto auspicio per gli uomini di Conte. In termini di numeri, col potenziale arrivo di Biraghi e la permanenza di Dimarco, il computo degli italiani in rosa salirebbe addirittura a dodici. Un forte cambiamento rispetto a pochi anni fa, che, si spera, possa portare a un cambiamento sostanziale anche in vittorie e risultat dopo troppi anni di magra.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy