GdS - Marotta all'Inter non s'ha da fare, ecco perché

Marotta all’Inter non s’ha da fare: i motivi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Inter e Marotta, ipotesi già tramontata? Secondo la Gazzetta dello Sport si. O meglio, si tratta di una possibilità che non è mai stata concreta. A prescindere dal presunto polverone che potrebbe venire sollevato il 22 ottobre da report introno alla Juventus e alla figura dell’ormai ex amministratore delegato bianconero, secondo la rosea ci sono altri motivi più concreti per i quali Marotta non approderà a Milano.

NIENTE MAROTTA PER L’INTER

Ecco quanto riportato sulla Gazzetta che smentisce le voci degli ultimi giorni: “Tra Beppe Marotta e Steven Zhang, prossimo presidente dell’Inter, non c’è matrimonio in programma. Almeno oggi. Ma non siamo neppure al “fidanzamento ufficiale” e probabilmente mai ci arriveremo. Non trovano conferme le voci di un incontro tra i due, neppure di contatti fruttuosi per uno sbarco a Milano dell’ormai ex dirigente della Juve. Troppi tasselli sono mancanti perché si possa comporre il puzzle necessario”.

“Perché accada, dovrebbe infatti cambiare, ­oltre agli uomini, anche­ la filosofia che sta accompagnando la famiglia Zhang nell’avventura milanese. Suning ha sempre scelto di lavorare con una struttura orizzontale e non verticale: più uomini a dirigere l’area economica e sportiva, dunque maggiore divisione dei compiti come accade oggi tra il d.s. Ausilio, il Cfoo Gardini e l’a.d. Antonello, piuttosto che una figura unica e accentratrice come nei fatti sarebbe Marotta o un nome dello stesso calibro. C’è poi l’aspetto economico, assolutamente da non sottovalutare: Marotta aveva stipendio non in linea con i parametri nerazzurri. E ai soldi stanno attenti tutti. Anche e soprattutto Zhang.

 

Fonte immagine in evidenza: Screen Youtube

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy