Keita: "Non sono un bad boy. Se non gioco, resto a disposizione"

Keita: “Non sono un bad boy. Se non gioco, resto a disposizione”


Nelle ultime uscite dell’Inter non ha dato l’impressione di essere davvero tranquillo. Invece Keita Balde ha chiarito alcuni aspetti del suo carattere sulle pagine del quotidiano senegalese Le Record, rivelando alcuni particolari interessanti.

KEITA: “NON SONO UN ALLENATORE”

“Mi piacerebbe contribuire a scrivere la storia dell’Inter, che è conosciuta a livello mondiale, e a vincere con il Senegal. Io un bad boy? Chi mi conosce sa che non lo sono. E non sono nemmeno un allenatore: se il mister mi sceglie allora gioco, altrimenti resto sempre a disposizione”. Queste le dichiarazioni di Keita Balde ai microfoni dei giornalisti senegalesi, prima di parlare del suo grande obiettivo con la Nazionale: “La Coppa d’Africa in Camerun nel 2019 deve essere il nostro grande obiettivo. Sarà fondamentale per noi e per il nostro Paese. Dobbiamo tenerci il secondo posto e, una volta qualificati, dobbiamo restare concentrati perchè è troppo importante”. L’attaccante dell’Inter parla della sua nuova avventura raccontando il sogno del suo Senegal, in attesa di lasciare il segno con la maglia nerazzurra.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy