Ballardini: "Inter squadra in forma. Taarabt e Biraschi non saranno disponibili..."

Ballardini: “Inter squadra in forma. Taarabt e Biraschi non saranno disponibili…”


A poche ore dalla sfida di Marassi contro l’Inter Davide Ballardini ha tenuto la consueta conferenza stampa. Tanti gli indizi sulla formazione anti-nerazzurri rilasciati.

LE 200 DI BALLARDINI

Un traguardo speciale per il mister rossoblù quello di domani: “Domani la 200esima panchina in A? Arriva l’Inter. Siamo tutti molto concentrati sulla partita. Crediamo di esserci preparati bene, l’attenzione e tutto il resto va a quello che si deve fare. Mi sembra un’Inter dove i giocatori stanno bene fisicamente, nell’ultima partita si sono espressi bene. Bisognerà essere davvero molto bravi in ogni momento della partita come squadra, dovremo essere molto generosi, molto attenti e con tanta personalità”.

CHI CI SARA’ CONTRO L’INTER?

Ballardini fa poi il punto sulla situazione indisponibili e non in vista dei nerazzurri: Biraschi ieri ha sentito fastidio alla gamba destra, lo valuteremo. Non c’è nemmeno Taarabt, ha ancora fastidio alla schiena e probabilmente dovrebbe rientrare lunedì. Rosi dovrebbe rientrare così come Galabinov. Se con l’assenza di Izzo e Biraschi può giocare Pereira centrale? Pereira è un terzino, un giocatore di fascia può fare eventualmente il difensore centrale di destra però abbiamo Rossettini ed El Yamiq che ha fatto la settimana intera, arrivava da un periodo dove ha giocato tante partite in poco tempo. E’ un ragazzo molto disponibile e vuole imparare molto in fretta dalla lingua alle difficoltà che ci sono nel nostro calcio volendole superare. Penso sia certamente un ragazzo per bene e giusto”. Infine opzione Lazovic arretrato, sul serbo il mister dice: “E’ un giocatore più bravo dalla metà campo in avanti anche se la sua umiltà lo fa essere così presente nella fase difensiva. Poi abbiamo Pereira e Rosi. Queste sono le opzioni”.

CHI GIOCA IN ATTACCO?

Dubbi in avanti per Ballardini: “Abbiamo oggi e domani per valutare. Galabinov arriva da un leggero fastidio e vedremo se è in condizioni da fare una partita. Abbiamo anche Lapadula, due centravanti con caratteristiche diverse”. E su Pandev tornato decisivo di recente dichiara: “Per me lui deve allenarsi di più perchè quando hai qualche anno in più hai l’obbligo di allenarti di più, lui ha la testa giusta e sa che facendo fatica arrivano le prestazioni giuste”.

I RINFORZI DI GENNAIO

Sul mercato invernale l’allenatore dichiara: “E’ un Genoa che per me ha preso dei giocatori giusti. I ragazzi che sono arrivati sono seri e sono contenti di essere qui. Hanno entusiasmo e lo trasmettono”.

MARASSI INFELICE

Fin qui partite casalinghe poco felici per i rossoblù in casa, ecco che dice l’allenatore al riguardo: “Per me è una combinazione. Anche la partita con l’Udinese noi abbiamo fatto tanto e i nostri avversari. Dispiace per il risultato, non per la prestazione. Dispiace perchè davanti al nostro pubblico bisogna farli emozionare e coinvolgere. La prestazione nostra deve essere un dono continuo a tutte le persone che ci incitano dal primo all’ultimo minuto”.

LA SITUAZIONE A CENTROCAMPO

Focus poi sul centrocampo, dove ci sono Veloso e Bertolacci che lottano per il posto da registra, cercando anche un’insperata coesistenza: “Possono giocare assieme. Non avendo Veloso, Bertolacci sta prendendo confidenza col ruolo. E’ un giocatore forte, con personalità. Il compito del regista è coinvolgere tutti i suoi compagni. A lui il fatto di essere al centro del gioco lo stimola di più”. Mentre sull’altro centrocampista di qualità, ed ex nerazzurro, Bessa dichiara: “E’ un giocatore che con la palla mi piace. E’ un giocatore generoso, ha qualità, è intelligenza ed è un bene avere un ragazzo con queste qualità. Può ricoprire più ruoli ma con efficacia”.

IL TRIBUTO A DE ANDRE’

Ultimo pensiero al tributo che verrà fatto dalla gente genoana al grande cantautore genovese De Andrè : “Sentire allo stadio la gente che canta le sue canzoni con passione e anche con qualche lacrima mi emoziona molto. Chapeau, un grandissimo”.

Buffon: “Calciopoli e calcioscommesse sono state due vigliaccate”

Copyright © 2015 Cierre Media Srl