Ronaldo: "L'Inter deve fare il massimo per tornare in Champions. Suning? Ha fatto troppi proclami"

Ronaldo: “L’Inter deve fare il massimo per tornare in Champions. Suning? Ha fatto troppi proclami”


Il Fenomeno Ronaldo ha rilasciato oggi una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole: “Bisogna essere dentro le cose per valutare, ma a vedere il campionato da fuori sembrava davvero l’anno giusto per tornare almeno in Champions. I tifosi per un po’ si sono divertiti e io ero supercontento di come andavano le cose”. 

INTERVISTA RONALDO

Sembrava l’anno giusto vuol dire che non lo è già più?
“Non scherziamo: rispetto agli anni passati l’Inter è migliorata e migliorerà ancora, dunque deve, dico deve, fare di tutto per tornare in Champions. Manca da troppo tempo ed è un passo necessario per rilanciarsi. In Italia e soprattutto in Europa. Necessario quest’anno, se possibile: rinviare ancora sarebbe una brutta frenata. Ma la classifica e la logica dicono che c’è tempo: la stagione è ancora lunga”.

Chi meglio di lei può parlare di un centravanti dell’Inter, Icardi, che piace al Real Madrid?
“Io sono convinto che Icardi stia bene all’Inter, come sono stato bene io anche se ho sofferto tanto per gli infortuni e l’addio non fu quello che desideravo. Però, nonostante non sappia molto di mercato, credo che Icardi lo vogliano in tanti: andare al Real è un sogno per qualsiasi giocatore, non so per lui”.

Si aspettava di più da Spalletti?
“Non si può ogni volta, ogni anno, mettere in discussione tutto: i giocatori, l’allenatore. Ad un progetto bisogna credere, bisogna dargli il tempo di funzionare. Quello che l’Inter ha fatto nei primi due mesi non poteva essere casuale: dicevano tutti che il miglior acquisto dell’Inter era stato Spalletti, no? Piuttosto, sono d’accordo con quello che ha detto il “mio” presidente Moratti: se è bravo come sicuramente è, adesso sta anzitutto a lui trovare la chiave per riportare certi giocatori – senza far nomi – a certi rendimenti, che di sicuro non sono più gli stessi. Anche cambiando qualcosa, se necessario”.

A proposito di acquisti, e di Moratti: deluso dalla gestione Suning?
“Il discorso fair play finanziario è molto delicato e il calcio senza regole morirebbe. Però, se il progetto di ripartenza dell’Inter doveva passare da un risanamento con limiti molto rigidi, forse era necessario spiegarlo con più chiarezza. Senza illudere i tifosi”.

A proposito di allenatori con i quali si è allenato, e che dunque conosce bene: come vede Di Biagio «traghettatore» della Nazionale?
“Vedo che non si sentirà solo un traghettatore: poi magari lo sarà, ma vivrà il tempo che avrà a disposizione come se dovesse preparare le partite più importanti della sua carriera. Che poi in un certo senso è così. Lo so che è una frase che si usa per un sacco di calciatori che diventano allenatori, ma Gigi lo era già quando giocava, e non lo dico perché è un amico. Capisce tanto di calcio, ha giocato in Nazionale per tanti anni: buona scommessa, gli auguro tutta la fortuna del mondo”.

Si diverte ancora a vedere il calcio italiano?
“Napoli-Juve di oggi è un po’ come Real-Barcellona dei miei ultimi anni nella Liga: un duello qualche gradino sopra le altre. Al Napoli ho visto giocare un calcio molto affascinante, la Juve ti schiaccia con la forza mentale, con la varietà di soluzioni. Non so come finirà, so come spero che finisca”.

Lo diciamo?
“Ma sì, dai: dopo tutto questo dominio della Juve mi piacerebbe che toccasse al Napoli, anche se da tifoso dell’Inter preferirei poter dire Inter. Massimo rispetto per la Juve e per i suoi tifosi, ma se per una volta, e magari per un po’, lo scudetto andasse ad una squadra che non sia la Juve credo sarebbe una bella cosa, per il campionato italiano. Se ogni tanto non si cambia chi vince, poi ci si annoia. No?”.

Chi Siamo

Spazio Inter è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla FC Inter 1908, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per il San Siro.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Editore: Cierre Media SRLS - P.IVA: 07984301213

Direttore editoriale "SpazioInter.it": Antonio Caianiello

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da Fc Inter 1908

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Facebook

Copyright © 2015 Cierre Media Srl