Nerazzurri, ecco le 3 speranze per il 2018

Nerazzurri, ecco le 3 speranze per il 2018

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Si chiude un anno e, si spera, un ciclo. Si chiudono dodici mesi che, col senno di poi, erano iniziati col piede decisamente sbagliato. Allenatori e giocatori da gennaio a maggio si sono alternati alla guida e nell’essenza di una nave senza padrone. Semplicemente, senza condottiero. La luce è arrivata da Certaldo, con Spalletti che ha preso per mano l’Inter e ne ha leccato le ferite. Correggendo dove c’era urgenza e spronando lì dove c’erano i mezzi ma non le motivazioni. Oggi i nerazzurri che vediamo in campo hanno tutta un’altra faccia rispetto ai primi mesi del 2017, e proviamo a cavalcare quest’onda di serenità immaginando 3 speranze per il prossimo anno solare.

1 – L’EUROPA CHE CONTA

In fin dei conti, tutto ciò che vogliamo è ritornare lì. Inconstanti e inconcludenti, abbiamo reso la Champions League irraggiungibile. Non ci siam nemmeno voluti accontentare dell’Europa minore, tanto da classificarci fuori da ogni impegno internazionale. Ad agosto è ripartita un’altra missione, a caccia di quel pass per Nyon che vorrà dire esserci. La Champions manca dalla stagione 2011-2012. Un’eternità per gli obiettivi e i sogni di Suning. Un desiderio da cogliere al volo.

2 – L’ACQUISTO DI UN VERO TOP PLAYER

Fermi tutti. E’ arrivato Skriniar, è vero. Lo slovacco fino ad oggi ha messo in mostra tutto il suo valore ma soprattutto talento, finora velatamente nascosto alla Sampdoria. Ma quello che vorremmo noi è altro. L’arrivo a Milano di un vero e proprio top player, in grado di fare la differenza in campo e fuori. In grado di strappare applausi già in amichevole e di far vendere le sue maglie a dismisura. Nainggolan, Vidal, Sanchez. Uno dei nomi corteggiati, coccolati ma troppo presto spariti. Un acquisto da dieci e lode, che si faccia sentire in termini economici e che accontenti mister, rosa e soprattutto proprietà. Quella stessa che vorrebbe comprare il mondo, ma è obbligata a limitarsi al pareggio. Che sia in inverno o in estate, i tifosi sognano una cosa: l’acquisto di un top class.

3 – RICOMINCIARE DA 3

Quest’anno Luciano Spalletti e tutta l’Inter han deciso di ricominciare da uno, ovvero il capitano. Oggi, l’ordine da seguire per non perdere la rotta è tenersi stretti le certezze. Un trascinatore come Mauro Icardi, tra i migliori d’Europa nel suo ruolo. Una diga che si sta ergendo nella difesa nerazzurra, quel Milan Skriniar che continua a strappare complimenti ed ha già catturato l’attenzione di molti. E un portiere degno di questo nome e della tradizione nerazzurra. Samir Handanovic è il valore aggiunto tra i pali che molte squadre non hanno e che l’Inter deve trattenere a lungo. Per il 2018, bisogna ricominciare da queste 3 certezze, con l’obiettivo di inserirne sempre più nel nostro scacchiere.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy