L'ALBA DEL GIORNO DOPO - Non c'è Orsato che tenga: Pioli si è giocato l'Inter

L’ALBA DEL GIORNO DOPO – Non c’è Orsato che tenga: Pioli si è giocato l’Inter

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Alba Derby – Sono passate quasi 24 ore, ma il sentimento di rabbia mista a delusione non è ancora svanito. Per niente. Vuoi per via dell’orario insolito, vuoi per i recenti risultati negativi o forse perchè alla fine si trattava di un derby per il sesto posto, questa partita probabilmente non era così sentita come magari poteva succedere negli anni passati. Poi il fischio di inizio, il doppio vantaggio a fine primo tempo e un minimo di entusiasmo era stato ritrovato. Salvo poi rovinare tutto nei dieci minuti finali e far perdere nuovamente quell’esaltazione che poi si è rivelata solo momentanea. Classic Inter.

Alba Derby: Pioli che combini?

Sarebbe troppo facile prendersela con Orsato per quel recupero infinito che ha consentito al Milan di trovare il pareggio dopo ben sette minuti di recupero (tra l’altro, mi informano che si sta ancora giocando a San Siro).

In realtà questo derby è stato pareggiato (forse sarebbe meglio dire perso, nonostante il 2-2 finale) a causa di una squadra che si è dimostrata per l’ennesima volta senza attributi e che probabilmente non ha alcuna idea di cosa voglia dire indossare i colori del cielo e della notte.

Ma il colpevole principale non può che essere anche un allenatore che ha mostrato tutti i suoi limiti e che con ogni probabilità si è giocato definitivamente la riconferma sulla panchina nerazzurra. Perchè quei cambi a 20 minuti dalla fine della partita non hanno alcun senso logico. Se non quello di confermare quanto Pioli sia un allenatore provinciale e non da Inter. E le sue dichiarazioni a fine gara, in cui riduce l’essersi fatti recuperare due gol di vantaggio a delle disattenzioni su palle inattive, non fanno che dimostrare questa tesi. Perchè non esiste essere avanti di due gol, controllare abbastanza agevolmente la partita e poi stravolgere l’assetto tattico perchè il Milan ha messo in campo una punta in più (Lapadula, non di certo Messi!). E stendiamo un velo pietoso sul cambio di Biabiany, altrimenti rischiamo di esagerare….

Primo Derby cinese

E il bello che alla fine il buon Pioli le scelte iniziali le aveva anche azzeccate! Molti avranno storto il naso alla lettura del nome di Nagatomo nella formazione titolare. Eppure il giapponese tutto sommato non ha giocato male, anzi. Ha controllato abbastanza bene la fantasia e il talento di Suso (alla fine è per questo che è stato messo in campo), mentre dall’altra parte D’Ambrosio ha fatto più fatica a contenere lo strapotere di un Deulofeu scatenato.

Anche la scelta di riproporre Joao Mario, il migliore in campo per i nerazzurri per distacco, titolare è stata giusta. E a questo punto ci si chiede il perchè lo abbia lasciato in panchina per ben cinque partite consecutive. Sarebbe proprio carino sapere i motivi.

E’ un vero peccato, perchè l’Inter si è persa proprio sul più bello. Come ormai ci ha abituato da tanto, troppo tempo. Di sicuro i cinesi, sia nerazzurri che rossoneri, si saranno divertiti in questo primo “Derby del Dragone“. La speranza è che Suning abbia capito dove e come migliorare la squadra, che forse più che di giocatori di talento ha bisogno di leader e uomini “con le palle“. Cosa che ieri più che mai è mancata.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy