GdS - Inter, è Miranda il vero ministro della difesa

GdS – Inter, è Miranda il vero ministro della difesa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nessuno mette in dubbio l’importanza del “sindaco” Miranda nella difesa dell’Inter, ma la Gazzetta dello Sport ne evidenzia l’evoluzione e l’insostituibilità.

MIRANDA E’ UN PUNTO FISSO

“Da Miranda pretendo molto come leader della difesa, anche per la personalità da mettere in campo, dove deve parlare di più”. Il concetto e le idee erano chiare fin da subito e infatti Stefano Pioli parlò così il 26 novembre dopo l’agghiacciante sconfitta contro l’Hapoel e da quel momento Miranda rispose presente.
Infatti tolta la partita di Coppa Italia con la Lazio e poche altre sbavature, il brasiliano è tornato ad essere il sindaco della sua retroguardia.
Un punto fisso che non ha saltato, eccetto che per squalifica, neanche un minuto in campionato e quando l’ha fatto (vedi con la Roma) si è sentito eccome.
Ora è diventato anche più comunicatore e dirige la difesa in cui si adattato e trovato benissimo sia con Medel che con Murillo ed anche con entrambi quando Pioli ha schierato la difesa a tre.

INTER, MEDEL CON MIRANDA E’ L’ARMA IN PIU’

A rendere la vita più facile al 32enne brasiliano è stato anche il Pitbull Medel. Avere il cileno al suo fianco e sapere che lui c’è sempre con la sua grinta e la sua intelligenza tattica ha reso più sicuro anche Miranda. Basta vedere come è stato annullato Petagna nella partita contro l’Atalanta in cui si è anche concesso sgaloppate coast to coast ed incursioni in zona gol.
Per inseguire il sogno Chmapions Pioli e l’Inter hanno bisogno di un Miranda monumentale.

 

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy