GdS - Inter, Eder è il migliore attore non protagonista

GdS – Inter, Eder è il migliore attore non protagonista


Eder Citadin Martins non è nuovo per balzare agli onori della cronaca come esempio di sportivo che si sacrifica mettendo tutto quello che ha in campo, che fa gruppo unendo lo spogliatoio ed evitando polemiche e divisione, gli anni di Nazionale ne sono un esempio, ma ora con l’Inter anche i numeri sono dalla sua parte e la Gazzetta dello Sport ne evidenzia il merito.

CONCRETEZZA E GOL

L’italobrasiliano classe 1986 a piccoli passi è entrato nel cuore di tutti, irosi, compagni ed allenatore.
Mister Pioli lo motiva, lo tiene in enorme considerazione ed è per lui il primo cambio di lusso che può giocarsi in attacco. Il rapporto tra i due viaggia alla grande e lo dimostra la voglia che mette il giocatore ogni volta che entra in campo, soprattutto in questo 2017. Effettivamente Eder pur partendo quasi sempre dalla panchina merita l’oscar come migliore attore non protagonista.

In questa stagione tra campionato e coppe Eder ha messo insieme 6 gol e 5 assist, ma in questi pesi l’impatto con le gara si è alzato esponenzialmente: a Udine gioca solamente 7’, ma conquista il fallo dal quale nasce il 2­-1 definitivo di Perisic. Passano 7 giorni e contro il Chievo in soli 30′ segna e chiude la partita. Non contento e inarrestabile si ripete anche contro il Pescara, gara in cui gioca 20 miseri minuti. Contro l’Empoli è il suo momento e parte titolare, causa assenza di Maurito e in 80’ mette insieme un gol e un assist per Candreva. Se non fosse per l’arbitro anche con la Roma avrebbe cambiato la partita quando si fa abbattere in area da Strootman. Nello show di Cagliari non può rimanere spettatore, infatti entra corre e si sacrifica come sempre e serve l’assist a Gagliardini per la sua prima gioia in serie A.

UOMO SPOGLIATOIO

Eder non è solo decisivo in campo, ma lo è soprattutto fuori. E’ un uomo spogliatoio, un leader silenzioso e di questo si rendeva perfettamente conto anche Antonio Conte in nazionale. Fa gruppo e aiuta il compagno di turno e Pioli non può che gioire di fronte a tanta grazia. Ventura si accoda e lo ha lasciato come pilastro fisso degli azzurri.
Anche ora che Suning vuol costruire una corazzata nerazzurra, l’Inter avrà bisogno di Eder.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl