GdS – Con Pioli e Icardi, l’Inter è da Champions League

Inter rimonta Champions, credici. Questo quello che sostiene la Gazzetta dello Sport. Il terzo posto non sembra più un’utopia con i risultati che ha portato Stefano Pioli.

PIOLI POTENZIATORE PER DAVVERO, ICARDI CHE LEADER

Due delle chiavi della rimonta interista sono proprio queste, il tecnico che doveva arrivare come semplice traghettatore ed il capitano che a inizio stagione era in rotta con la tifoseria. Mister Pioli e capitan Icardi sono i due pilastri fondamentali che hanno cambiato completamente volto alla squadra nelle ultime uscite.

Con i tre punti di ieri con il Chievo infatti, l’Inter ha totalizzato 19 punti su 24 disponibili da quando sulla panchina siede l’ex Lazio. Archiviato l’avvio a singhiozzo targato De Boer, i nerazzurri ora credono davvero ad un posto sul podio in campionato. A cambiare sembra essere stata soprattutto la testa, l’approccio alla partita. Anche ieri la squadra è andata sotto immeritatamente ma, anziché perdere la bussola, ha continuato a martellare fino a raggiungere la meritata vittoria.

Merito anche del suo leader in campo. Maurito infatti guida la classifica marcatori con 15 gol ed è lui la stella dell’Inter di Pioli. A soli 23 anni continua a macinare record e goal: col Chievo è arrivato a quota 62 gol in 111 presenze con l’Inter, agganciando Milito e Agradi. Blindarlo e costruire il futuro su di lui deve essere la priorità di Suning.

GAGLIARDINI, CHE CARATTERE!

Il nuovo arrivato viene subito buttato nella mischia da Pioli dal primo minuto, in uno stadio storicamente complicato, che ha bocciato anche gente molto forte. Lui sembra al campetto sotto casa: gioca con una personalità da fuoriclasse, recupera palla e si inserisce, sfiorando per due volte il gol, negatogli dal solito Sorrentino. Esordio che lascia a bocca aperta, carattere e classe ben oltre le aspettative. Bisognerà stare a vedere le prossime uscite, ma le premesse sono da pilastro già fatto e finito, un campioncino su cui costruire un progetto.

LEGGI ANCHE:  Zanetti, nel cuore solo l'Inter: "Rifiutati tre top club per l'amore nerazzurro"

L’INTER VOLA SULLE ALI DELL’ENTUSIASMO

Nessuno in serie A ha due ali della qualità di Candreva e Perisic. Entrambi sono in grado di puntare l’uomo, saltarlo, crossare e anche di finalizzare. All’occorrenza possono farsi tutta la fascia, sia in offensiva che difensiva, come contro il Chievo nel passaggio nel secondo tempo alla difesa a tre. L’Inter ha una varietà impressionante di soluzioni offensive anche grazie a loro, che permettono di allargare il campo e aumentare le varianti offensive.
Tuttavia non sono solo i titolari gli artefici di questo piccolo miracolo, la rinascita dei nerazzurri.

UNA PANCHINA PREZIOSA E DA SFRUTTARE

Tra gli indubbi meriti di Pioli infatti c’è anche quello di aver allargato la rotazione e di aver recuperato Kondogbia. Col rientro di Brozovic dalla squalifica, il tecnico avrà 5 giocatori di spessore in mezzo al campo. In avanti, anche nell’eventualità in cui Gabigol restasse un oggetto del mistero, Eder ha le caratteristiche perfette per spaccare le partite in corso d’opera. Anche Palacio, pur non più giovane, ha il cuore per dare il suo contributo alla causa, portando esperienza da veterano e voglia di fare da ragazzino.

 

Sei qui: Home » Copertina » GdS – Con Pioli e Icardi, l’Inter è da Champions League