Napoli Inter, migliore e peggiore:

Napoli Inter, migliore e peggiore: Handanovic e Kondogbia


NAPOLI INTER, PEGGIORE IN CAMPO: KONDOGBIA

Il peggiore in campo della partita, nonostante la folta concorrenza, è Geoffrey Kondogbia. Dopo due apparenti segnali di ripresa nel derby e nel primo tempo contro la Fiorentina, smarrisce nei minuti in cui è stato in campo tutto quanto fatto nelle ultime due partite. I soliti difetti di sempre come la lentezza, la legnosità, la macchinosità, la mancanza di pensiero. I gicoatori del Napoli invece, tecnici e veloci nel pensiero, evidenziano le sue lacune in maniera ancora più lampante. Non ha nemmeno il tempo per commttere fallo sui gicoatori in bianco che gli sfrecciano davanti, alle spalle, a destra e a sinistra. Fa ridere quando, dopo il terzo goal, prende palla dal calcio d’inizio e carica in avanti a testa bassa per perdere subito il pallone. Dove voleva andare? Se anche il cervello si sconnette, poi le gambe e tutto il resto funzionano peggio.

NAPOLI INTER, MIGLIORE IN CAMPO: HANDANOVIC

Inter HandanovicSamir Handanovic invece si salva per quelle tre o quattro parate dispensate per evitare una figuraccia maggiore. E’ vero che il tiro di Zielinski non pare irresistibile, ma almeno chiude la porta in alcune circostanze a uno sfortunato Gabbiadini e ad Hamsik. Se i giocatori del Napoli arrivano con facilità da ogni dove la colpa non è sua, come poche volte lo è stata negli ultimi anni. Il calvario dello sloveno continua e la Champions league rimarrà una chimera pure quest’anno. Un peccato per un portiere della sua caratura e qualità. Tra i gicoatori di movimento si merita una nota positiva il solo Brozovic, che almeno qualcosa di positivo prova a darlo e offrirlo.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy