Conferenza Pioli, le parole del tecnico prima di Napoli-Inter

RILEGGI LIVE Conferenza Pioli: “Icardi grande professionista. Messi all’Inter un sogno, ma pensiamo al presente. Gabigol si allena bene”


Stefano Pioli in conferenza stampa prima di Napoli-Inter. Ecco le sue parole sui partenopei, su Gabigol e anche sull’ipotesi Messi, letta sui quotidiani in questi giorni.

Incontro con la società. Grandi obiettivi?

“Incontro positivo. Abbiamo voglia di far bene e di tornare ai vertici. Ambizioni e motivazioni ci sono”.

In estate Icardi vicino al Napoli. Quanto è importante ora?

“Sta dimostrando di essere tra i migliori al mondo. E’ un grande professionista e un esempio per i compagni”. 

L’incontro con i cinesi. Hai ricavato sensazioni di un futuro con Pioli?

“Assolutamente si. C’è la possibilità ci creare un futuro qui all’Inter. Hanno idee innovative e ambizioni”.

Ci sono giocatori di grande esperienza ed in alcuni momenti serva che certi giocatori aiutino la squadra. 

“Abbiamo superato certi momenti. Vero con la Fiorentina dovevamo chiudere prima la partita. Ma cresceremo ottenendo risultati positivi”.

Candreva magari più al centro con Eder esterno. Si può fare?

“Ognuno ha i suoi pallini e cerca i suoi giocatori singoli. Nell’Inter ci sono tanti giocatori ma io devo cercare equilibri”.

Due stagioni fa a Napoli la vittoria con la Lazio e il Napoli fuori dalla Champions. Cosa porti dentro di quella partita?

“Partita importante. Emozionante, meritavamo la qualificazione in Champions. Al momento però penso all’Inter e al presente”.

Cosa pensi di Messi all’Inter?

“Sognare è bello ma devo pensare ad ora e non a questi sogni. Sognare troppo è pericoloso. La classifica ora è deficitaria e dobbiamo pensare al nostro lavoro, alla nostra partita”. 

Mistero Gabigol?

“E’ un giovane importante che sta lavorando bene per imparare il calcio italiano”. 

Tanti giocatori bravi a spaccare le partite ma manca la fase di gestione?

“Dobbiamo imparare a leggere bene le partite. Può cambiare una partita e dobbiamo comunque essere compatti, attenti e lucidi. Gestire la palla ci farebbe rifiatare e controllare i match”. 

E’ una questione di compattezza e di migliorare adesso, o di necessità di nuovi giocatori?

“No no. Dobbiamo lavorare bene con gli ottimi giocatori che abbiamo a disposizione”

Cosa pensa del Napoli?

“E’ una squadra forte, difficile da affrontare in casa. Sappiamo di cosa sono capaci ma sappiamo anche cosa dobbiamo fare noi per avere la meglio”. 

 

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy