Caso Gabigol, la denuncia del Barcellona arriva alla FIFA

Caso Gabigol, la denuncia del Barça arriva alla Fifa


Caso Gabigol in campo… e fuori! Il giocatore in questo avvio di stagione ha giocato davver pochissimo (poco meno di 20 minuti contro il Bologna). Ma il brasiliano fa parlare di sé anche fuori dal campo.

IL CASO GABIGOL, COME E’ NATO TUTTO

Il caso Gabigol nasce questa estate, quando l’Inter stava per acquistare il giocatore. Ai tempi dell’acquisto di Neymar dal Santos, il Barça aveva pagato per avere una prelazione proprio su Gabriel Barbosa. La prelazione avrebbe avuto valenza nel momento in cui la società brasiliana avesse deciso di venderlo. L’accusa del Barça sta nel fatto che il Santos ha avvisato eccessivamente tardi dell’accordo imminente con l’Inter. Questo non ha dato ai catalani il tempo per pareggiare o superare l’offerta nerazzurra.

LA DENUNCIA ARRIVA ALLA FIFA

Ora, come rilanciato da Mundo Deportivo, la denuncia del Barça è arrivata alla Fifa. I blaugrana chiedono 7.9 milioni di risarcimento. Questa cifra corrisponde all’esborso fatto nel momento di acquistare Neymar per avere una prelazione su tre giocatori. Tra questi tre calciatori c’era, appunto anche Gabriel Barbosa, considerato all’epoca l’erede proprio di Neymar.

caso gabigol

Qualunque sia l’esito di questa denuncia fatta dal club catalano, ovviamente non avrà ripercussioni sull’Inter. I nerazzurri non rischiano nulla, il loro forte investimento su Gabigol è al sicuro.

IN ATTESA DI VEDERLO IN CAMPO

Gabriel Barbosa fa molto parlare di sé da diverso tempo per la questione fra Barça e Santos. Ma fa discutere anche il fatto che da quando è arrivato all’Inter ha giocato pochissimo. Con l’addio di de Boer e l’arrivo di Pioli, Gabigol spera di vedere con maggior continuità il campo. Per dimostrare il suo valore, di non essere una meteora. Insomma, per dimostrare che vale quei quasi 30 milioni spesi. Per far vedere a tutti di meritare la maglietta nerazzurra.

QUI LA NOTIZIA RIPORTATA DA MUNDO DEPORTIVO

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy