Tutto il Calcio di SpazioInter: Inter, che sia A o Europa League è sempre profondo rosso

Tutto il Calcio di SpazioInter: Inter, che sia A o Europa League è sempre profondo rosso


Appuntamento arricchito col calcio europeo quello con l’odierna puntata di Tutto il Calcio SpazioInter, fari puntati ecco-il-discorso-di-de-boer-ai-calciatori-per-cancellare-manciniproprio su i nerazzurri, la sconfitta di Genova costa la panchina a Frank de Boer, l’avventura in Europa League non inverte la marcia e avvicina l’eliminazione. Vola la Roma in Europa ma rallenta in Italia mentre Juve e Napoli si fermano al pareggio di Champions dopo lo scontro di Torino deciso dal Pipita Higuain.

SERIE A 12a giornata

SABATO
BOLOGNA-FIORENTINA 0-1 Kalinic su rigore al 31’ p.t.
JUVENTUS-NAPOLI 2-1 Bonucci (J) al 5’, Callejon (N) al 9’, Higuain (J) al 25’ s.t.
DOMENICA
ATALANTA-GENOA 3-0 Kurtic al 36’ e 47’ p.t.; Gomez al 39’ s.t.
CROTONE-CHIEVO 2-0 Trotta su rigore al 47’ p.t.; Falcinelli al 47’ s.t.
EMPOLI-ROMA 0-0
LAZIO-SASSUOLO 2-1 Lulic (L) 5’, Immobile (L) 10’, Defrel (S) 12’ s.t.
MILAN-PESCARA 1-0 Bonaventura al 4’ s.t.
SAMPDORIA-INTER 1-0 Quagliarella al 44’ p.t.
LUNEDI
UDINESE-TORINO 2-2 Benassi (T) al 15’ p.t., Thereau (U) al 15’, Zapata (U) al 25’, Ljajic (T) al 32’ s.t.
CAGLIARI-PALERMO 2-1 Dessena (C) all’8’ e al 19’, Nestorovski (P) al 34’ s.t.

CLASSIFICA

1 Juventus 27
  2 Roma 23
  3 Milan 22
  4 Lazio 21
  5 Napoli 20
  6 Atalanta 19
  7 Fiorentina 16
  8 Torino 16
  9 Cagliari 16
  10 Genoa 15
  11 Chievoverona 15
  12 Inter 14
  13 Udinese 14
  14 Sampdoria 14
  15 Bologna 13
  16 Sassuolo 13
  17 Pescara 7
  18 Empoli 7
  19 Palermo 6
  20 Crotone 5

MARCATORI

1 Edin Dzeko 10 11 1
2 Ciro Immobile 9 11 2
3 Mauro Icardi 8 11 0
4 Jose’ Callejon 7 11 0
5 Gonzalo Higuain 7 11 0
6 Andrea Belotti 6 9 0
7 Carlos Bacca 6 11 2
8 Iago Falque 5 8 1
9 Gregoire Defrel 5 10 0
10 Nikola Kalinic 5 10 1
11 Marco Borriello 5 11 0
12 Ilija Nestorovski 5 11 0
13 Mohamed Salah 5 11 0
14 Adem Ljajic 4 7 1
15 Arkadiusz Milik 4 7 0

PROSSIMO TURNO

SABATO 5 NOVEMBRE
TORINO-CAGLIARI ore 18
NAPOLI-LAZIO ore 20.45
DOMENICA 6 NOVEMBRE, ore 15
PESCARA-EMPOLI ore 12.30
CHIEVO-JUVENTUS
GENOA-UDINESE
PALERMO-MILAN
SASSUOLO-ATALANTA
FIORENTINA-SAMPDORIA ore 18
INTER-CROTONE ore 18
ROMA-BOLOGNA ore 20.45

IL FATTO 

Miracolo Gasperini 2.0, dopo i fasti del Genoa e la brutta parentesi con l’Inter ecco che Gianpiero Gasperini sta dando vita ad un nuovo miracolo calcistico, quello dell’Atalanta che continua a sfornare ottimi giovani e giocare un buon calcio. Kessie, Petagna, Caldara, Conti e Gagliardini rappresentano la squadra rivelazione di queste prime dodici giornate di campionato.

SI SALVI CHI PUO’ 

Mentre il Crotone vince la prima gara in Serie A l’Inter in piena confusione riesce a far fuori anche Frank de Boer. Vialli lo confonde col gemello Ronald su Sky ma questo è niente a confronto della mancanza di idee in società, e se il Crotone esulta per i primi 3 punti l’Inter piange, e domenica le due squadre si vedranno a San Siro.

COPPE EUROPEE

Champions League

Besiktas-Napoli 1-1 79′ Quaresma (rig), 82′ Hamsik

Juventus-Lione 1-1 13′ Higuain (rig), 85′ Tolisso

Europa League

Southampton-Inter 2-1 Icardi (I) al 33’ p.t.; Van Dijk (S) al 19’, autogol di Nagatomo (I) al 24’ s.t.

Austria Vienna-Roma 2-4 Kayode (AV) al 2’, Dzeko (R) al 5’, De Rossi (R) al 18’ p.t.; Dzeko (R) al 20’, Nainggolan
(R) al 33’, Grünwald (AV) al 44’ s.t.

Fiorentina-Liberec 3-0 Ilicic su rigore al 30’ e Kalinic al 42’ p.t.; Cristoforo al 27’s.t.

Sassuolo-Rapid Vienna 2-2 Defrel (S) al 34’, Ragusa (S) al 47’ p.t., Jelic (R) al 41’, Kvilitaia (R) al 45’ s.t.

IL FATTO 

Zero gol in tre partite, 5 reti alla quarta apparizione in Europa League, Aritz Aduriz sceglie il Genk per entrare nella storia della vecchia Coppa Uefa trascinando il Bilbao al secondo posto nel gruppo che comprende anche il Sassuolo e che vede 4 squadre in appena 1 punto. Per Aduriz, 36 anni, le favole non finiscono mai.

SI SALVI CHI PUO’ (MANCHESTER UTD)

Se l’Inter non ride ha ben poco da esultare José Mourinho e il suo Manchester United. Prima la grana Rooney e il desiderio del portoghese di fargli cambiare aria a gennaio, poi l’infortunio a Pogba, il nervosismo di Ibra e la sconfitta col Fenerbahce. Che i poteri magici dello Special One siano finiti?

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy