GdS – Thohir e l’enterprise value dell’Inter: l’obiettivo del profitto è stato raggiunto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’operazione che ha portato Thohir a ridurre la sua quota nell’Inter al 31% porta, come afferma la Gazzetta dello Sport, a considerare il presidente indonesiano un uomo più abile a cedere l’Inter che a farla crescere, risanandola. Sicuramente la nuova proprietà sembra più solida e Thohir ha realizzato un bel guadagno.

Infatti, quando Thohir entrò nel novembre 2013 il valore complessivo dell’Inter (coi debiti di funzionamento) ammontava a circa 350 milioni. Inoltre, il suo scopo fu quello di sottoscrivere un’operazione di finanziamento per riuscire a spalmare il debito nerazzurro, riuscendo a posticipare l’ultima maxi rata al giugno 2019.thohir

Thohir non ha mai effettuato dei versamenti in conto capitale, anche grazie alla plusvalenza infragruppo realizzata tramite la cessione del ramo d’azienda a Inter Media and Communication. Ma l’indonesiano aveva le sue buone ragioni: Moratti si era disimpegnato e quindi Thohir ha scelto la strada della valorizzazione della sua partecipazione nell’Inter. Missione compiuta: la società nerazzurra vale di più e Thohir ha 50 milioni (almeno) in più che non sono affatto male, senza considerare la notevola forza economica di Suning, nuovo partner di del presidente nerazzurro.