Icardi: "Devo essere giudicato per i gol. In Argentina si parla troppo di me e Wanda"

Icardi: “Devo essere giudicato per i gol. In Argentina si parla troppo di me e Wanda”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Mauro Icardi è intervenuto telefonicamente durante la trasmissione “90 minutos” su Fox Sports. Tanti i temi toccati dal capitano nerazzurro, dall’Argentina a Wanda Nara, passando ovviamente dell’Inter e dei suoi compagni sudamericani.

Sulla possibile convocazione per le Olimpiadi di Rio da parte del ct Martino, Icardi si è detto entusiasta di poter sperare di indossare la maglia albiceleste “Sarebbe il massimo per qualunque giocatore argentino“. Maurito poi si sofferma sul fatto che in Argentina si parla molto delle sue questioni extra campo, ovviamente citando Wanda Nara. Lui ci tiene a sottolineare che conta quello che succede in campo, ma essendo partito giovane dal suo paese, si parla troppo della sua relazione con la ex di Maxi Lopez. “Sono passati tre anni, tre anni e mezzo, ma se ne parla solo in Argentina. Io e Wanda in Italia siamo una coppia consolidata, una famiglia insieme ai bambini“. mauro-icardi-palermo-inter-serie-a-24102015_vn8bqh9cnnda1gff8tvm8s8qd

Ha parlato anche del rapporto con il ct Martino. Si sono incontrati solo ad una partita di beneficenza organizzata da Zanetti ma “Credo a Martino quando dice che ho le stesse possibilità degli altri giocatori. Io devo parlare in campo e con i gol”. 

Si parla poi dei compagni di squadra, dagli argentini Palacio e Carrizo, agli altri sudamericani come Miranda, Murillo e Felipe Melo, con cui ci sono ottimi rapporti. “Quando è il momento di giocare si va tutti nella stessa direzione”. Poi un’ultima battuta su Messi: “Dopo il Barça siamo stati insieme a un evento di una marca d’abbigliamento, poi non abbiamo avuto più contatti”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy