Zanetti: “La partita contro la Roma ha dato consapevolezza. Mancini…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Intervenuto ai microfoni di Premium Sport durante l’evento benefico “Bocelli e Zanetti Night“, il vice Presidente nerazzurro, Javier Zanetti, ha parlato di diversi argomenti, tra cui ovviamente l’Inter.

EVENTO – “E’ un onore fare questo grandissimo evento con Andrea Bocelli che ha un voce straordinaria, è un’icona della musica internazionale. Ogni volta che lo sento fa  venire grandi emozioni e soprattutto poter fare insieme questo concerto che avverrà all’Expo la settimana della finale di Champions, dove la nostra città ospiterà questo prestigioso trofeo. Sono tanti i motivi per cui essere felici, soprattutto quello di poter aiutare tanti bambini. Abbiamo cercato di unire la musica con il calcio. Andrea farà un concerto dove ci saranno tanti amici suoi che canteranno. Da parte mia porterò tanti amici, colleghi. Mourinho? Si, ce ne sono tanti. Seedorf, Cambiasso, Maldini tante persone che vogliono essere insieme a me in questo grandissimo evento in una settimana speciale per Milano.

BOCELLI – “Si, l’ho conosciuto a casa sua quando mi ha invitato e ho scoperto anche la sua grande passione per l’Inter. Tutta la sua famiglia interista, i suoi figli, mi chiedevano come andava. Speriamo anche per quella data lì di poter dare una bella sorpresa e che l’Inter abbia finito il campionato nel posto che tanto speriamo”.

zanetti expo

ROMA-“I cinque punti non abbassano le speranze, assolutamente no. Noi ci crediamo, la partita di Roma sicuramente ha dato una grande risposta e consapevolezza. Io credo che i ragazzi nell’ultimo mese stanno facendo molto bene, è vero che siamo a 5 punti ma nel calcio tutto può succedere”.

RIMPIANTI – Per quello che è passato non possiamo fare più nulla. Abbiamo a disposizione 8 partite e credo che ce la metteremo tutta…”.

FUTURO MANCINI –La società è stata molto chiara, anche Roberto ci tiene a rimanere con noi. Ci concentriamo in questo finale di campionato che sarà di sicuro molto impegnativo ma credo che ci sono i presupposti per andare avanti”.