Gds – L’analisi di Paolo Condò: “Forse serviva pazienza”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Fine penna della Gazzetta dello Sport ed assoluto conoscitore del calcio, Paolo Condò ha voluto analizzare il momento dei nerazzurri, partendo dall’arrivo in panchina di Mancini e dal paragone con quello che succede in Premier, soffermandosi sulle solite frasi di circostanza che tutti i dirigenti dicono quando arriva un nuovo allenatore.

“Sarà il nostro Ferguson. Si tratta di una minaccia vuota e insensata, non esiste in natura un organismo così coriaceo da resistere sulla stessa panchina di Serie A come fece Sir Alex. Permanenze così lunghe non sono matrimoni ma prigionie, come i tifosi dell’Arsenal hanno fatto capire sabato a Wenger con uno striscione educatissimo ma inequivocabile: Arsene, thanks for the memories but it’s time to say goodbye. Insomma, dieci anni senza vincere una Premier possono bastare a salutare un tecnico senza sentirsi Zamparini”.

Condò si sofferma sui tecnici che nel post triplete hanno guidato l’Inter senza fortuna: “Oggi navigano in classifica sopra l’Inter. Passi per Benitez, che al Napoli governa un organico da Champions League; ma il Genoa di Gasperini è un gustoso pranzo messo assieme con gli avanzi dei tavoli nobili, e pure l’Udinese di Stramaccioni – al quale va chiesto un calcio più propositivo rispetto a San Siro, perché lo sa fare – mantiene un punto di margine. È inevitabile che il pensiero corra alle richieste di mercato di Benitez o alle innovazioni tattiche di Gasp o alle formazioni incidentate di Strama. Forse non erano solo alibi. Mazzarri ha cercato di farsi capire senza conoscere la lingua del calcio metropolitano, Mancini ha schierato a Roma un undici così imbottito di mediani tanto da rasentare il codice civile; per essere più chiaro con Thohir avrebbe potuto giocare in nove, ma forse l’arbitro non gliel’ha concesso”.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook