Cesena - Inter, un lampo di gioco nella tempesta

Cesena – Inter, un lampo di gioco nella tempesta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La gara di ieri ha mostrato, ancora una volta, quanto l’Inter faccia difficoltà a creare occasioni da gol chiare e limpide. Troppo lenta la manovra nerazzurra, che risulta prevedibile e facilmente contrastabile dagli avversari di turno.

Come era successo nelle precedenti gare, in particolare in trasferta, gli uomini di Mazzarri non riescono a scoprire e a scardinare le difese avversarie, a causa di un giro palla con troppi tocchi, troppo orizzontale, con il quale spesso le azioni si incartano, dovendo tornare fino ad Handanovic per ricominciare, o nei peggiori dei casi si regala il pallone agli avversari.

Fino al 30° la partita aveva negato qualsiasi tipo di emozione, con i due portieri mai chiamati in causa. Qualcosa di buono, però, si è visto. L’azione che ha condotto al rigore per l’Inter è stata costruita con le tempistiche giuste e i movimenti giusti. Proprio quei fondamentali tattici di cui Mazzarri aveva parlato il giorno prima in conferenza. Dopo un fraseggio, solito e ripetitivo, tra i tre di difesa, messi in difficoltà dal pressing asfissiante del Cesena, Ranocchia ha verticalizzato ottimamente per Dodò, libero a lato, il quale conducendo il pallone in fascia ha saputo trovare Hernanes al limite dell’area. L’invenzione del Profeta ha fatto tutto il resto, ma è stata la costruzione dell’azione a permettere ai nerazzurri di trovare scoperti gli avversari.

Da questa azione l’Inter deve ripartire e lavorare per migliorare il suo gioco. Dall’espulsione in poi c’è stata molta più libertà di manovra e Kovacic&co hanno avuto modo di creare varie occasioni da rete, sprecate però dagli attaccanti.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy