L’ex stella dell’Olanda confessa: “Ho sniffato mezzo milione di coca e ora vivo con 20 euro al giorno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Una vita rovinata dalla cocaina quella di Wim Keift. Stella del calcio mondiale degli anni ’80, è stato scarpa d’oro nel 1982. Campione olandese prima nell’Ajax e poi nel Psv, con una lunga esperienza anche in Italia con Pisa e Torino e una parentesi pure in Francia al Bordeaux. Un palmares di tutto rispetto con l’Europeo vinto nell’88 con l’Olanda, 6 eredivisie conquistate tra Ajax e Psv e sempre nell’88 la Coppa Campioni col Psv.

L’ALCOL E LA DROGA

Un matrimonio fallito e una famiglia abbandonata. 400 mila euro di debiti e l’incapacità di liberarsi dalla tossicodipendenza. Ecco il racconto dei suoi problemi: “Nella mia vita mi sono sempre sentito inadeguato. A Parigi, mentre mi consegnavano la Scarpa d’Oro, pensavo: ecco un perdente in giacca e cravatta. Guardavo Platini e Paolo Rossi accanto a me, si muovevano disinvolti, io me la facevo sotto. La mia prima ragazza l’ho avuta solo a 19 anni, ed è poi diventata mia moglie. Il mio complesso di inferiorità scompariva solo quando bevevo. A 17 anni presi la mia prima sbronza, alla giornata di pesca con l’Ajax. Ho provato la coca per la prima volta a 33 anni, in discoteca. Da allora ne avrò sniffata una quantità pari a mezzo milione di euro. Oggi vivo con 20 euro al giorno, se ne avessi 100 li spenderei tutti. Giro in treno e in bici, non posso permettermi un taxi. Per fortuna il lavoro, da opinionista o commentatore tv, non mi manca.”

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook