Handanovic e Bardi, l'Inter resta ad un bivio per il futuro

Handanovic e Bardi, l’Inter resta ad un bivio per il futuro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Continua a plasmarsi l‘Inter del futuro e per farlo al meglio, deve avere un occhio costantemente vigile sul mercato. Dopo l’acquisto di Vidic e un forte interessamento per numerosi campioni quali tra tutti Sagna, il club nerazzurro si prepara ad affrontare un altro nodo da sciogliere, quello riguardante il portiere che la prossima stagione difenderà i la porta interista. Come scrive l’edizione odierna del Corriere dello Sport infatti, c’è un vero e proprio bivio da affrontare: continuare con Handanovic che ormai è una sicurezza ma ha leggermente disatteso le aspettative o buttarsi a capofitto nell’avventura Bardi dando fiducia al giovane talento?

Entrambe le opzioni portano con sé pro e contro. La conferma dell’attuale estremo difensore sarebbe meno un salto nel vuoto, non sposando però una linea alquanto ambiziosa che sta cercando di imporre lo stesso Thohir. Inoltre, causa bilanci in rosso, una cessione di lusso è necessaria e potrebbe essere proprio quella del portiere. Sarebbe infatti difficile rifiutare venti milioni di euro, buon tesoretto per acquistare almeno un altro campione. Pronto che scalpita infatti c’è il ventiduenne in prestito al Livorno Francesco Bardi, che ben sta figurando con i toscani nonostante debba ancora maturare e migliorare. La fiducia della sua società di appartenenza, l’Inter, c’è: non è mai presa in considerazione infatti l’idea di cederlo a titolo definitivo, elemento che potrebbe far propendere un suo impiego in forza alla squadra di Mazzarri già per la prossima stagione.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy