Milito: “2013 da cancellare, ora voglio tornare in campo. L’Inter deve puntare al 3°posto, ma…”

Diego Milito Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo un 2013 durissimo, trascorso più ai box che sui campi di gioco, Diego Alberto Milito si prepara a tornare finalmente sul terreno di gioco, con la speranza di essere ancora utile alla causa nerazzurra: “E’ stato un anno durissimo per me, un anno molto particolare e brutto. Quello al ginocchio è stato l’infortunio peggiore della mia carriera. Adesso non ce la faccio più a stare fuori, ad allenarmi da solo. Non vedo l’ora che cominci il 2014″.

Sugli obiettivi stagionali dell’Inter il Principe dichiara: Proveremo a raggiungere il terzo posto. Se sei in una squadra come la nostra devi puntare in alto, mantenendo la consapevolezza che ci sono tanti giocatori nuovi, tanti giovani e che la squadra è in costruzione. Bisogna avere azienza. Spero di essere io uno dei rinforzi di gennaio. Sento la fiducia del mister e questo mi fa piacere. Dal primo giorno che è arrivato è stato chiaro e sincero con me, lui si è sempre dimostrato così nei miei confronti”.

Il numero 22 nerazzurro parla anche di futuro e di un possibile addio a fine stagione: “Ora penso solo a tornare in campo, non passa attimo che non pensi di tornare a giocare, non penso ad altro. Firmare in bianco il rinnovo? Non sarebbe un problema, io qui all’Inter mi sento benissimo, mi vogliono bene, è casa mia. Sto bene, quello che accadrà dopo non lo so”.

A Milito viene quindi chiesto se il suo erede sarà un giorno Mauro Icardi: “Ognuno ha la sua maniera di giocare a calcio, stiamo parlando di un giovane che deve crescere ma è di enorme prospettiva.

Chiusura su Erick Thohir e Massimo Moratti: “Conosciamo ancora poco il presidente Thohir, non possiamo dire molto ancora ma l’impressione è stata buona. Che effetto ci fa il fatto che Moratti non sia più presidente? Ti fa un po’ effetto, lui è l’Inter, è stato straordinario e lo sarà sempre. E’ sempre attaccato alla squadra e continuerà ad esserlo.

 

Fonte: inter.it