Ventura: “I tre gol subiti sono errori nostri. Mazzarri? Sono in difficoltà…”

Giampiero Ventura Torino-Inter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Giampiero Ventura Torino-InterSull’ottovolante di emozioni di Torino-Inter è salito, suo malgrado, anche mister Ventura. Alla sua età e con i problemi di cuore accusati nella scorsa stagione, non deve essere stato un piacere gustarsi da bordo campo l’Inter che rimontava colpo su colpo, fino al possibile gancio del k.o. firmato Palacio. A salvare il Toro e la pressione dell’allenatore granata ci ha pensato il giovane Bellomo, entrato a pochi minuti dalla fine e decisivo con la sua punizione a giro che, a tempo scaduto, ha freddato Carrizo e gli interisti.

Il mister di Cerci e compagni commenta così a fine partita la prestazione dei suoi ragazzi: “L’Inter aveva nove giocatori vicino all’area di rigore ed è ripartita quando gli abbiamo lasciato spazio libero – dice Ventura –. Quando erano chiusi era difficile passare, potevamo fare un po’ meglio, ma conta come ci siamo presentati, volevamo far la partita e si è visto da cosa abbiamo creato nei primi minuti”. Proprio l’inizio di gara è stato determinante e ha di fatto influenzato tutto il resto del match: il Toro ha preso subito alle spalle l’Inter con le infilate di Cerci e soprattutto di uno scatenato Farnerud; così è arrivato il rigore e l’espulsione di Handanovic. La parata di Carrizo ha salvato una partita che poteva mettersi ancora peggio per i nerazzurri.

Un episodio che ha lasciato perplessi gli interisti, non tanto per il rigore, che ci sta, quanto per il rosso ad Handa, decisamente dubbio. Mazzarri ha preferito non rilasciare dichiarazioni al termine del match. Ventura, che viene da una serie di partite con episodi arbitrali a sfavore dei suoi, non può che trovarsi in imbarazzo davanti al silenzio stampa del collega: “Non sapevo di Mazzarri. Sono un po’ sorpreso e in difficoltà perché sono parte in causa visto quello che ci è successo nell’ultimo periodo. Avevo detto che dopo Genoa non sarei più entrato nelle decisioni arbitrali. L’espulsione non so, ma comunque il rigore c’era”.

Complessivamente il mister del Torino non è del tutto soddisfatto della prestazione, perché c’erano sì tante assenze tra i suoi ma i gol presi sono stati frutto di gravi errori di reparto o individuali. “Abbiamo subito gol su calcio d’angolo. I tre gol dell’Inter sono errori clamorosamente nostri. Fino al 93′ però abbiamo dimostrato di voler crescere. Credo che non solo questo dimostra che vogliamo fare bene, ma anche tante altre cose. C’è stato anche un palo prima del rigore. Con la superiorità numerica potevamo osare, ma questo significa che dobbiamo fare meglio”.

C’è molto da lavorare anche in casa dei nerazzurri, sorpresi al novantesimo dal gol di un ragazzino, Bellomo: “Sono contento per lui – dice Ventura -. E’ alla seconda partita che fa e ha segnato il primo gol. Sta comunciando a capire come funziona la Serie A. E’ stato un investimento della società e sta dimostrando di volere fiducia. Ha estro e personalità e mi potevo aspettare quel tiro e qualsiasi altra cosa. Ha cercato proprio di metterla nell’angolo”.