Zanetti: “Tardelli è stato il tecnico peggiore. Mou un maestro, Ranieri un gentiluomo. Lippi…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Zanetti MourinhoDa oggi, lunedì 14 ottobre, sarà presente nelle librerie “Giocare da uomo”, l’autobiografia di Javier Zanetti, capitano e simbolo dell’Inter; il numero 4 argentino, arrivato a Milano nell’estate 1995, racconta la sua vita, dai primi calci nei campetti di periferia fino al Triplete con Josè Mourinho.

Tanti argomenti trattati, qualche retroscena raccontato con franchezza e onestà, tra calcio e religione, il tutto condito da pochissime incomprensioni con qualche allenatore: questo è Pupi, la cui vita è stata caratterizzata dalla parola “lavoro” e che ha sempre preferito il campo alle discoteche: “A dire la verità in discoteca sono stato un paio di volte, c’è troppo frastuono, non si riesce neppure a parlare”.

Il capitolo allenatori è forse quello che più cattura l’attenzione di molti tifosi e appassionati del mondo del calcio. Il capitano, personaggio che si è sempre distinto per la lealtà sul terreno di gioco, racconta i pochi screzi con alcuni dei tecnici che si sono seduti sulla panchina interista: “Con altrettanta onestà, senza rancore o risentimento alcuno, dico che Marco Tardelli, dei tanti allenatori che ho visto, dal campetto di terra battuta di Disneylandia alla furia del Santiago Bernabeu, è stato il peggiore. Peggiore in tutti i sensi, come uomo e come tecnico. Tardelli è scarso. I suoi allenamenti non sono da squadra che vuole vincere”.

Un’altra stoccata è per Marcello Lippi, tecnico che approdò alla Pinetina nel ’99 e che venne esonerato dopo il k.o. di Reggio Calabria e il conseguente sfogo davanti ai giornalisti: “Ci disse che quando allenava la Juve, gli interisti erano sempre in soggezione ad affrontare i bianconeri. Mi è capitato di contraddirlo, con rispetto e franchezza. In tutta onestà, lo rifarei”. 

Da Mourinho, “maestro e leader”, a Ranieri, definito dal capitano come “un vero gentiluomo”, Zanetti non ha mai dimenticato le sue origini e la devozione di sua madre; la sera prima della finale di Champions League contro il Bayern accese un cero a Santa Rita, la santa delle cause impossibili, insieme a Ivan Cordoba.

Tutti i retroscena della vita e della carriera del capitano stanno per essere svelati. Una carriera tinta di nerazzurro.