Jonathan: “Grazie a Mazzarri sono un giocatore diverso. Ora il mio sogno…”

Jonathan Inter-Fiorentina esultanza
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Jonathan Inter-Fiorentina esultanza“Quest’anno farà sicuramente bene, ci sono i mondiali”. E’ questa la convinzione che accompagna i giocatori brasiliani alla vigilia di ogni rassegna continentale. Fin dalla tenera età, il loro sogno è quello di poter giocare un campionato del mondo con la maglia della propria nazionale. Sogno che diventa quasi ossessione quando a ospitare il torneo è proprio il paese che ti ha dato i natali.

Tra i brasiliani a caccia di convocazione, adesso c’è anche Jonathan Cicero Moreira. Il numero 2 nerazzurro, trasformatosi nel giro di un’estate da terzino goffo e impacciato a pedina fondamentale dello scacchiere di Mazzarri, sembra il lontano parente del giocatore che aveva scatenato le ironie dei tifosi con le sue topiche.

Gli assist e i gol messi a segno in questo avvio di stagione non hanno lascito indifferente il ct Scolari. Proprio di questo ha parlato l’esterno verdeoro in un’intervista rilasciata ai media brasiliani: Disputare il mondiale con la maglia della propria nazionale è il sogno di ogni calciatore. So che Scolari sta seguendo diversi elementi che giocano in Europa. Sono consapevole di avere una concorrenza spietata nel mio ruolo, con esterni come Dani Alves e Maicon, però credo molto in me stesso”.

“Rispetto a quando ero in Brasile sono un giocatore diverso. In Italia c’è molta più tattica e i ritmi sono più veloci. Ci ho messo un po’ ad ambientarmi ma ora finalmente riesco a esprimermi al massimo del mio potenziale. Per me è stato molto importante l’arrivo di Mazzarri. I suoi metodi di lavoro ti fanno esprimere al massimo“.