Inter vs Juventus 1-1, le pagelle

Inter-Juventus pagelle
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

pagelle Inter JuventusHandanovic 6 – Bella la respinta di istinto sul colpo di testa ravvicinato, anche se poco angolato, di Vidal. Non ha colpe sul gol.

Campagnaro 7 – Morde le caviglie degli avanti bianconeri ed è sempre ordinato in fase di impostazione.

Ranocchia 6.5 – Guida la linea difensiva con autorevolezza.

Juan Jesus 7 – Cancella dalla partita Vucinic.

Jonathan 5 – Non crea mai superiorità numerica e si fa sorprendere da Asamoah in occasione del pareggio. Un passo indietro rispetto al brillante inizio di stagione.

Taider 7 – Sostanza, dinamismo e qualità. Gran partita, che avrebbe meritato di giocare fino alla fine.

dal 68′  Icardi 6.5 – Si conferma la bestia nera della Juve (quarto gol rifilato alla signora nel 2013, ndr). Il movimento a dettare il filtrante di Alvarez e la conclusione sul primo palo è un bagliore da grande attaccante.

Cambiasso 6.5 – Un paio di svarioni ma nel complesso gioca una gara solida e per certi versi sorprendente considerando le prime uscite stagionali.

Nagatomo 7 – Nelle prime due giornate sono arrivati due gol; alla terza arriva la miglior prestazione. Ridimensiona sia Lichtsteiner che Isla.

Guarin 5 – Sempre nel vivo del gioco ma incide veramente poco rispetto all’enorme quantità di palloni che tocca.

Alvarez 7.5 – L’azione del gol è il manifesto della sua crescita: recupero da mediano e rifinitura deliziosa. Migliore in campo.

dall’80’ Kovacic s.v. – Un paio di accelerazioni e una stecca a Padoin nei suoi 10 minuti di impiego.

Palacio 6.5 – Poco pericoloso ma si muove tantissimo ed è fondamentale nel dare opzioni di passaggio alla squadra nelle ripartenze. Ammirevole un suo recupero su Isla a 5 minuti dalla fine.

All. Mazzarri 6.5 – Gara preparata molto bene. La squadra ha rischiato poco e la proposta offensiva è stata efficace soprattutto nel secondo tempo. Vincente la scelta di Icardi, anche se forse sarebbe stato meglio sacrificare l’arruffone Guarin e non l’ottimo Taider.