VIDEO – Jonathan: “L’Inter deve sempre puntare in alto. Se dovesse arrivare un altro esterno…”

Jonathan intervista mixed zone
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

video Jonathan intervista mixed zoneDopo il gol segnato al Cittadella, il primo della stagione nerazzurra, Jonathan Cicero Moreira ha contribuito alla vittoria dell’Inter anche contro il Genoa. Da un cross del terzino brasiliano – deviato da Antonelli – è nato infatti il vantaggio interista, realizzato di testa da Nagatomo. Al termine del match, l’ex Santos si è fermato in mixed zone per commentare la sua prestazione. Ecco quanto raccolto da SpazioInter.it:

Stai facendo di tutto per convincere Mazzarri a puntare su di te per l’out di destra…

“E’ normale che io dia il massimo, perchè questo è il mio lavoro. Sono felice qui e, anche se l’Inter dovesse acquistare un altro esterno, ce la giocheremo e sarà Mazzarri a decidere chi schierare. Qualunque giocatore dovesse arrivare, sarà il benvenuto, così come è stato per Wallace”.

Mazzarri ha detto che il lavoro più duro nelle sue squadre è quello svolto dagli esterni…

“E’ vero, dobbiamo correre tanto, ma io mi sento bene e sia il mister che il suo staff mi trasmettono tanta fiducia. Sto cercando di imparare i meccanismi, facendo il massimo per essere titolare”.

Rispetto all’anno scorso cosa è cambiato nella preparazione delle partite?

“Mazzarri ha una sua filosofia di lavoro e la squadra sta cercando di assimilarla nel minor tempo possibile. Secondo me ci stiamo riuscendo. Nel precampionato abbiamo lavorato tanto, come mai avevo fatto nella mia carriera. Quando saremo al 100% la gente vedrà i frutti del nostro lavoro”.

Dove pensi possa arrivare l’Inter in questa stagione?

“Un calciatore che gioca nell’Inter deve sempre puntare allo Scudetto. Deve pensare di poter vincere tutte le competizioni a cui partecipa, perchè fa parte di una grande squadra, che ha una storia incredibile e non possiamo dimenticarlo”.

Come si sta ambientando il tuo giovane connazionale Wallace?

“E’ un bravo ragazzo. E’ giovane e, visto che non parla ancora bene l’italiano, cerchiamo di stargli vicino in allenamento. Piano piano capirà tutto”.

Alessandro Suardelli

(Twitter: @AleSuardelli)

VIDEO: