Scelte di mercato indipendenti dall’arrivo di Thohir. Il magnate indonesiano…

Massimo Moratti USA
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Massimo Moratti USAGià molto tempo fa erano state fatte considerazioni circa l’indipendenza delle operazioni di mercato estive dell’Inter rispetto alla trattativa volta al passaggio di proprietà della società di Corso Vittorio Emanuele nelle mani di Erick Thohir, magnate indonesiano pronto a rilevare il pacchetto di maggioranza.

Come più volte evidenziato anche dallo stesso Massimo Moratti, la trattativa societaria non avrebbe influenzato le scelte strategiche di mercato della dirigenza nerazzurra e infatti tutte le operazioni che si stanno portando a termine in questa sessione sono indipendenti da qualsiasi altra situazione esterna.

Gli effetti dell’ingresso in società di Thohir, quindi, non dovrebbero portare a colpi di scena sul mercato nell’immediato ed il budget stanziato dal presidente viene utilizzato per proseguire con la linea di ringiovanimento della rosa e la riduzione del monte ingaggi.

Considerando che molto probabilmente l’accordo verrà ratificato dopo la chiusura del mercato estivo (fissata per il 2 settembre), il nuovo azionista di maggioranza potrà dettare “le regole del gioco” solo dalla finestra invernale, a meno di ulteriori accordi pre-vendita del pacchetto azionario, oltre a quello di far mantenere la carica di presidente ad un membro della famiglia Moratti e garantire un ruolo di prim’ordine della stessa all’interno del nuovo organigramma.

Per il momento, quindi, non aspettiamoci colpi di mercato ad effetto o grandi nomi, ma operazioni volte a permettere la rinascita della società, dopo la chiusura del ciclo che ha portato l’Inter sul tetto del mondo. Si prosegue dunque sulla sua strada di austerity e giovani.