CALCIOMERCATO/ Il Chelsea preme per Eto’o. L’Inter resta alla finestra

Samuel Eto'o
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Samuel Eto'oIl sogno di mezza estate di riportare Samuel Eto’o ad Appiano non è ancora definitivamente tramontato; tutto, infatti, ruota intorno al possibile approdo di Wayne Rooney alla corte di Josè Mourinho.

Il “vate di Setubal” ha dato ordine alla propria dirigenza di cercare una punta di spessore che dia maggiori garanzie rispetto ai vari Torres, Lukaku e Demba Ba (quest’ultimo, oltretutto, sul piede di partenza). Per questo motivo, stando alle ultime indiscrezioni, pare che i Blues siano arrivati ad offrire ai Red Devils una “cifra ultimatum” di 47 milioni di euro per la punta di Liverpool.

Come ricordato anche dall’attuale tecnico del Chelsea, gli uomini di mercato del club londinese avrebbero già individuato anche delle alternative (i cosiddetti piani B, C e D) qualora la trattativa per arrivare al fuoriclasse del Manchester United dovesse sfumare. Una di queste sembra essere proprio la punta camerunense 32enne, in uscita dall’Anzhi insieme ai tanti altri prezzi pregiati del club.

L’ex attaccante di Barcellona ed Inter (sul quale, però, ci sarebbe anche il Manchester che potrebbe volerlo per sopperire all’eventuale partenza di Rooney) sarebbe felicissimo di riabbracciare lo Special One, ma, se quest’ultima ipotesi non dovesse verificarsi, non disdegnerebbe nemmeno un ritorno in nerazzurro. Stando, infatti, alle parole del suo agente Claudio Vigorelli, le possibilità che questo avvenga si aggirerebbero intorno al 30%, segno che comunque la volontà d’imbastire una trattativa ci sarebbe.

In ogni caso, se il club di Corso Vittorio Emanuele non dovesse riuscire a riabbracciare il Re Leone, non sarebbe un “dramma”, soprattutto vista la politica di giovani talenti intrapresa dalla società nerazzurra, iniziata con gli arrivi di Kovacic a gennaio a cui vanno sommati quelli di questa sessione di mercato, ovvero Wallace (seppur in prestito), Icardi, Belfodil, Laxalt (girato successivamente al Bologna) e in ultimo anche quello di Taider.

Il tutto senza dimenticare le riconferme, con successivi prestiti in provincia, dei vari Bardi, Mbaye, Duncan, Benassi e Longo, tutti ragazzi su cui la società punta molto in chiave futura.