Next Generation Players, i talenti della Primavera nerazzurra: Lukas Spendlhofer

Genoa vs Inter Spendlhofer
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Genoa vs Inter Lukas SpendlhoferLa terza puntata dei talenti della Primavera nerazzurra è dedicata a Lukas Spendlhofer.

Spendlhofer è un difensore dotato di un ottimo fisico (187 cm per 82 kg, ndr) che lo aiuta sia in fase difensiva che nelle frequenti sortite offensive sui calci piazzati; grazie ad un passato da centrocampista ha dalla sua inoltre dei piedi tutt’altro che ruvidi per un centrale difensivo che gli danno la possibilità di iniziare l’azione da dietro senza particolari problemi. Deve migliorare invece nella rapidità e progredire ulteriormente dal punto di vista tattico.

Per il centrale austriaco, classe 1993, l’inizio della stagione si è rivelato oltremodo travagliata. Il rifiuto di rinnovare il contratto in scadenza alla fine di questo giugno ha infatti portato la società ad adottare misure drastiche nei suoi confronti relegandolo alla formazione Berretti, con la quale Lukas poteva allenarsi ma non giocare nel Campionato di categoria.

A marzo però la situazione è cambiata e complice da una parte le necessità della Primavera di Bernazzani e dell’altra l’apertura del giocatore sul fronte rinnovo, l’austriaco è stato reintegrato in squadra. Complessivamente da quel momento ha giocato sette partite sotto la guida di Bernazzani, realizzando una rete e confermandosi con regolaritá tra i migliori in campo fino alla sfortunata sconfitta contro il Torino nella finale dei playoff di qualificazione alle Final Eight.

Il 12 maggio poi è riuscito anche a coronare il sogno di esordire in prima squadra durante Genoa-Inter sostituendo Ranocchia a quindici minuti dal termine del match.

Per quanto riguarda il suo futuro, il nodo da sciogliere resta quello del contratto. In caso di rinnovo verrà sicuramente girato ad una squadra di Serie B, o magari anche medio bassa di A, per continuare il suo processo di crescita e mettersi in mostra per conquistare, magari l’anno venturo, la possibilità di giocarsi le proprie carte alla Pinetina.