GENOA vs INTER intervista Rocchi: "Ancora una volta siamo stati..."

Rocchi: “Il calcio è fatto di episodi, non siamo stati fortunati. Cassano e Alvarez…”


Genoa vs Inter RocchiLa domenica di passione rossoblu è terminata con uno 0-0 povero di emozioni, che regala al Genoa la tanto agognata salvezza e all’Inter il nono posto, valido, più che per l’Europa, per l’accesso alla Coppa Italia (dal terzo turno). Un risultato, il pareggio a reti inviolate, che i nerazzurri non vedevano da 41 giornate. Sì, per una volta l’infallibile attacco nerazzurro non è riuscito a bucare la difesa avversaria. E il nostro “bomber di fiducia”, Tommaso Rocchi, purtroppo è rimasto a secco.

Per lui si trattava di una partita importante, viste le sue speranze di guadagnarsi la fiducia della dirigenza e strappare un altro anno di contratto. “Impossible is nothing” nell’Inter di oggi. Per tutto il primo tempo, tuttavia, TR18 non è riuscito a incidere. Senza compagni di reparto, Rocchi era troppo isolato dal resto della squadra per pensare di impensierire la retroguardia genoana.

Nella ripresa, con l’ingresso di Cassano, le cose sono un po’ migliorate. La manovra offensiva ha potuto beneficiare delle invenzioni del barese, passando da totalmente piatta, come l’elettrocardiogramma del malato nell’attimo fatale, a leggermente più verticale. Così, proprio nel secondo tempo, è arrivata l’occasione che avrebbe potuto dare la vittoria ai nerazzurri: Rocchi viene liberato da Cassano, mette la palla sul sinistro e calcia di collo, scheggiando la traversa.

A fine partita l’attaccante commenta così ai microfoni di Inter Channel: “Peccato per la traversa, perché avevo calciato bene, ma non è entrata…“. Rocchi prosegue poi nell’analisi della gara: “Il calcio è fatto di episodi – dice mister 101 gol in Serie A – noi volevamo fare una buona gara e loro volevano salvarsi. Abbiamo fatto un buon possesso palla, è mancato l’ultimo passaggio, alla fine il risultato credo sia giusto.”

In seguito Tommaso spende parole di elogio per alcuni compagni di squadra. In primis Cassano: “Sicuramente Antonio verticalizza tanto – spiega Rocchi – cerca sempre la giocata e per un attaccante è importante.” Poi anche per Alvarez: “Non mi sento di parlare male di Ricky, che ha fatto bene nelle ultime gare. La stagione purtroppo è stata questa“. Chissà se per lui sarà l’ultima.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl