Forte: "Contento per l'esordio, ma non per il risultato. Abbiamo dato tutto, ma..."

Forte: “Contento per l’esordio, ma non per il risultato. Abbiamo dato tutto, ma…”


Francesco ForteTredicesima sconfitta in campionato e maledizione infortuni che colpisce anche l’indistruttibile Javier Zanetti: la trasferta al “Renzo Barbera” di Palermo cancella i sorrisi che erano riemersi in casa Inter dopo l’1-0 ottenuto domenica scorsa contro il Parma e spedisce i nerazzurri al settimo posto in classifica, scavalcati da Udinese e Roma e fuori al momento anche dall’Europa League .

In questa giornata nerissima per la Beneamata spicca il giovane Francesco Forte, vent’anni da compiere il prossimo primo maggio, che ha raccontato a fine gara la sua gioia per la prima presenza in Serie A: Sono molto contento per questo esordio, però mi dispiace per il risultato, come è successo in Coppa Italia – spiega l’attaccante ai microfoni di Inter Channel –. Il Palermo si deve salvare, era normale avesse un atteggiamento di questo tipo. Noi abbiamo dato tutto e, soprattutto nella ripresa, siamo stati sfortunati perché avremmo potuto segnare. Abbiamo provato a fare gol con un assetto molto offensivo nel finale della gara, ma non siamo stati fortunati”.

Il baby centravanti, aggregato alla prima squadra a causa dell’emergenza che ha colpito la rosa nerazzurra, non ha potuto aiutare i suoi compagni della Primavera che sabato hanno sconfitto la Roma nella gara dei playoff e che tra sei giorni, contro il Torino, si giocheranno l’accesso alle Final Eight: “Per prima cosa faccio i complimenti ai miei compagni, perché ieri hanno disputato una grandissima partita. Con il Torino sarà una rivincita perché ci ha eliminati dalla Coppa Italia, così come è stata una rivincita ieri perché la Roma ci aveva battuto nella finale di Supercoppa”.

Copyright © 2015 Cierre Media Srl

Preferenze privacy