VIDEO - Coppa Italia: Ebagua va in gol e risponde ai cori razzisti dei suoi tifosi

VIDEO – Coppa Italia: Ebagua va in gol e risponde ai cori razzisti dei suoi tifosi

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Continuano le polemiche dopo gli incidenti che hanno caratterizzato la partita del Varese contro il Ponte San Pietro di domenica scorsa, secondo turno eliminatorio di Coppa Italia, a base di cori razzisti e scatti d’ira. Protagonisti gli ultras del Varese, che dalla Curva Nord hanno iniziato a insultare e fischiare il loro attaccante Giulio Osarimen Ebagua.

Il calciatore nigeriano, dopo aver segnato il gol dell’1-1, è corso sotto gli spalti, togliendosi la maglia numero 21, e ha risposto vivacemente a chi lo contestava. Inutile il tentativo di un compagno di squadra di zittirlo. Risultato: tifosi che non finiscono di vedere la partita (vinta dal Varese, che al prossimo turno incontrerà il Bologna. ndr) e poi pullman della squadra che deve essere scortato dalla polizia per lasciare lo stadio.

Oltre che il colore della pelle (citato negli insulti dei tifosi), nella contestazione può aver pesato il passaggio, l’anno scorso, di Ebagua al Torino che qualcuno, secondo il giocatore, può aver visto come un tradimento. La società ha diramato una nota, per cercare di disinnescare la polemica e riportare le scuse del giocatore.

“Premesso che il gesto di Ebagua è da condannare – ha sottolineato il presidente Antonio Rosati –, e nella opportune sede prenderemo i giusti provvedimenti, mi sento di sostenere il ragazzo che ha reagito a cori ripetuti e discriminanti. Voglio anche segnalare, a tal proposito, che la società A.S. Varese 1910 verrà multata per i fatti in questione”.

VIDEO:

Fonte: La Stampa

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy