Emergenza difesa: per Chivu stop di tre settimane. Occasione per Mbaye?

Chivu infortunio perplesso
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’unica nota negativa della serata di Spalato è l’infortunio rimediato da Cristian Chivu. Il difensore rumeno è stato costretto a lasciare il campo alla fine del primo tempo per un colpo subito in un contrasto di gioco.

Al rientro in Italia il giocatore è stato sottoposto, presso le strutture della Fondazione “IRCCS Policlinico San Matteo” di Pavia, ad accertamenti strumentali che hanno evidenziato una lussazione post-traumatica al secondo dito del piede destro.

Salvo recuperi miracolosi, Chivu sarà costretto a fermarsi ai box per tre settimane. Una brutta tegola per Stramaccioni che, improvvisamente, si ritrova con gli uomini contati in difesa: oltre al rumeno, infatti, l’Inter dovrà rinunciare anche a Juan Jesus, impegnato nella rassegna olimpica di Londra con la Seleçao, e a Ranocchia, coinvolto nelle indagini relative allo scandalo del calcioscommesse.

Per il match di ritorno contro l’Hajduk, quindi, il tecnico nerazzurro potrebbe avere a disposizione i soli Silvestre e Samuel. Tuttavia, considerando gli acciacchi muscolari che hanno caratterizzato il precampionato del 34enne argentino e l’importante vantaggio che l’Inter si è costruita nella gara di andata, Stramaccioni potrebbe scegliere di non rischiarli entrambi e di mandare in campo il giovane Ibrahima Mbaye.

Il difensore sengalese è stato spesso impiegato come terzino nella Primavera nerazzurra, ma nasce come centrale. Vista la personalità dimostrata nelle prime uscite stagionali, il mister potrebbe lanciarlo dall’inizio contro i croati per dargli un’ulteriore iniezione di fiducia e, soprattutto, per evitare di complicare ulteriormente la situazione in vista dei playoff del 22-29 agosto e dell’esordio in campionato (26 agosto, ndr).