Il Colosso si racconta: "Che gioia il primo scudetto!!! E la Champions..."

Il Colosso si racconta: “Che gioia il primo scudetto!!! E la Champions…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Ospite speciale del programma “Click”, in onda su Inter Channel, Maicon racconta la sua avventura calcistica in un’intervista particolare, ripercorrendo le tappe più importanti della sua carriera.

La gavetta non è stata semplice, ma dopo anni di duro lavoro e sacrifici, il terzino brasiliano è riuscito ad approdare nel calcio che conta grazie al Monaco che, nel 2004, lo ha portato in Francia (75 presenze e 7 gol): “Facevo il centrocampista da piccolo, ma non ero molto adatto. Giocavo nel Cruzeiro e di allora ho un bellissimo ricordo, soprattutto di quando vincemmo il campionato brasiliano. Poi sono andato a Monaco, in Francia, all’inizio è stato difficile ambientarmi, ma Deschamps mi ha aiutato molto”.

Le strade del brasiliano e dell’Inter si sono incrociate nel 2006. I dirigenti nerazzurri riuscirono a strapparlo al Monaco per 6 milioni e da quel momento Maicon è diventato il punto fisso della squadra: “Era il 2006, Branca e Oriali sono venuti a prendermi a Montecarlo per dirmi che volevano portarmi a Milano, che onore. Il primo gol in nerazzurro l’ho segnato alla Samp e vincemmo la partita. Quell’anno abbiamo anche vinto lo scudetto, lo volevamo a tutti i costi, l’Inter lo aspettava da tanto, che festeggiamenti e che felicità, quasi non ci credevo.

L’apice della sua carriera è stato sicuramente nel 2010, l’anno magico del Triplete, in cui, oltre a portare l’Inter prima sul tetto d’Europa e poi in vetta al mondo, Maicon si è consolidato come miglior interprete del suo ruolo: Mi sono fatto la riproduzione della Coppa e ancora me la vado ad abbracciare. Non abbiamo fatto bene solo in finale, siamo a riusciti a dare il massimo anche nella partita contro il Barça e io all’andata ho anche segnato, mica una cosa che succede tutti i giorni a un terzino”.

Il giorno che andrà via lascerà un vuoto incolmabile e in molti si chiedono se potrà esistere un “nuovo” Maicon capace di non far rimpiangere l’originale. A tal propsito, il ‘Colosso’ ha le idee chiare: Il mio successore? mio figlio Felipe, ma non potrà essere il mio erede naturale perché è mancino”. Al di là delle battute, siamo sicuri che certe discese rimarranno impresse per sempre nella mente dei tifosi nerazzurri.

CONOSCI SPAZIOINTER?

SpazioInter è nella famiglia editoriale del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy