EDITORIALE / Eder-Leicester, ironia che diventa facile disinformazione