Editoriale - Il rovescio dell' "Epic"