Caro Abete, la "contabilità" non è un'opinione