Oaktree, Moratti spaventa l’Inter: tifosi preoccupati

Zhang saluta l’Inter. Le parole di Moratti sull’ormai ex presidente nerazzurro e sul futuro che si prospetta per la nuova società 

E’ finita l’era Zhang. Nei mesi precedenti aleggiava in continuazione il pericolo per Zhang di non riuscire a risanare il debito con Oaktree. Alla fine la storia è giunta al capolinea, dopo 8 anni in cui sono stati raggiunti splendidi risultati sportivi che hanno fatto gioire i tifosi dell’Inter.

La situazione è difficile da digerire in casa Inter, dopo un’era che ha permesso ai nerazzurri di ottenere grandi risultati. Del clima attuale e del futuro dell’Inter ha parlato Massimo Moratti, raccontando al Corriere della sera la telefonata da lui avuta con il giovane Zhang.

Inter, Moratti e la telefonata con Zhang: “Per Oaktree l’Inter non sarà la priorità”

“Dispiaciuto, parecchio dispiaciuto”, così si è espresso Zhang a telefono con Massimo Moratti. Quest’ultimo ha raccontato al Corriere della sera le sensazioni dell’ormai ex presidente dell’Inter, che si è detto rammaricato per la situazione. Non solo, le parole di Moratti su come opererà Oaktree spaventano i tifosi dell’Inter.

Queste le parole di Moratti su Oaktree: “Il fatto che un fondo disponga di un patrimonio quasi infinito, non per forza significa che sia un qualcosa di positivo, almeno dal punto di vista del tifoso. L’Inter non rappresenterà il centro di gravità degli interessi, non è la priorità ma soltanto una delle attività.Oaktree un problema? E chi può dirlo… Percepiamo una certa sicurezza nella catena dirigenziale, non abbiamo alternative se non fidarci di loro”. Moratti sottolinea che l’abbondanza di risorse finanziarie non sempre si traduce in una gestione centrata sul bene del club e dei suoi tifosi.

Moratti intervista
Moratti: “Zhang è dispiaciuto” poi suo futuro di Oaktree (LaPresse) – spaziointer.it

Il calcio, come evidenzia Moratti, è un universo in cui le risorse finanziarie sono cruciali, specialmente in un’epoca segnata da crisi globali come la pandemia. Continua così Moratti, sottolineando come Zhang abbia tentato il possibile per mantenere il controllo dell’Inter: “Oggi il calcio richiede l’esborso di enormi quantità di denaro e non tutte le società riescono a resistere, senza contare le questioni globali degli ultimi anni, come la pandemia, e le criticità specifiche in Cina. Steven si era già esposto molto con le banche, dove li trovava i soldi? L’ho sentito dispiaciuto nella misura in cui ha cercato ogni mossa per tenere l’Inter. Ha lottato fino all’ultimo”.

Infine sui rinnovi:Non voglio eludere la risposta, ma in questo nuovo quadro societario, il punto vero è l’incapacità di predire il domani”. Tuttavia, nonostante le incertezze, Moratti esprime gioia e gratitudine per il recente trionfo nerazzurro: lo scudetto.

Impostazioni privacy