Finale di Champions League a San Siro, la notizia sconvolge i piani di Milano

La UEFA, attraverso una nota ufficiale, ha comunicato le sedi ufficiali dove si giocheranno le prossime finali delle coppe europee.

Per l’Inter campione d’Italia ci saranno grosse novità: la mancata restituzione del prestito da parte di Zhang ha di fatto consegnato la proprietà delle quote societarie in mano al fondo Oaktree, da oggi formalmente al timone dei nerazzurri.

Il fondo ha già rassicurato i tifosi tramite un comunicato in cui si afferma che non ci saranno stravolgimenti né dal punto di vista del board né da quello sportivo, dunque Marotta, Ausilio e Inzaghi resteranno sulle loro “poltrone”.

L’obiettivo del fondo è quello di garantire stabilità finanziaria e di continuare a perseguire trofei in ambito nazionale e internazionale, non ci sarà, stando a quanto si apprende, un ridimensionamento delle ambizioni nerazzurre.

Uno degli ultimi successi raggiunti dalla ormai vecchia proprietà nerazzurra è stato quello di aprire una linea di dialogo con il sindaco di Milano, Beppe Sala, per la costruzione del nuovo stadio, requisito fondamentale per la prosperità economica di un club che vuole adeguarsi agli standard dei top team europei.

Nelle discussioni è rientrato anche, ovviamente, il futuro del “Giuseppe Meazza“, la cui demolizione è stata impedita proprio dal comune di Milano e che quindi è rientrato nei discorsi dell’Uefa.

San Siro ospiterà nuovamente una finale di Chmapions?

La finale di Champions League 2025/26 si giocherà alla Puskas Arena di Budapest: sarà la prima finale del nuovo formato a 36 squadre, assenza dei gironi, ci sarà un sorteggio integrale che riguarderà tutte le partecipanti.

Uefa, ecco dove si giocheranno le prossime finali
La prossima finale di Champions si giocherà alla Puskas Arena di Budaspest (lapresse)-spaziointer.it

Le prime 8 classificate accederanno direttamente alla fase finale, mentre dalla nona alla ventiquattresima si sfideranno in un play-off andata e ritorno con gli accoppiamenti basati sulla classifica del girone unico.

Per quanto riguarda la finale per la stagione 2026/27 regge la candidatura di San Siro ma “la decisione rimarrà sospesa fino a settembre, subordinatamente alla presentazione da parte della FIGC di informazioni sul progetto di ristrutturazione dello stadio San Siro di Milano”, come si evince dalla nota UEFA.

La UEFA vuole infatti essere sicura che in quel periodo lo Stadio Meazza non sia soggetto a lavori di ristrutturazione.

Il futuro di San Siro verrà deciso entro giugno quando WeBuild dovrebbe presentare il progetto di restyling: i lavori dovranno terminare necessariamente entro il 2026, in particolare entro il 6 febbraio quando San Siro sarà il teatro della cerimonia d’apertura delle Olimpiadi Invernali di Milano-Cortina e non potrà essere un cantiere aperto

Impostazioni privacy