Inter, torna Handanovic: il nuovo ruolo spiazza tutti

Dopo undici anni tra i pali della porta nerazzurra, Samir Handanovic è pronto a fare ritorno all’Inter. Per lui è pronto un ruolo di spicco in nerazzurro.

Questa Inter ha tutte le carte in regola per instaurare un’egemonia nel calcio italiano. I nerazzurri sono l’unica squadra che, negli ultimi tre anni, è riuscita a dare continuità ai successi. Un lavoro intrapreso nei due anni di Antonio Conte, che ha inculcato la mentalità vincente nella mente di alcuni calciatori ancora presenti nell’organico.

I senatori dell’Inter di oggi hanno mischiato quella consapevolezza maturata con il tecnico leccese con gli schemi e l’idea di calcio di Simone Inzaghi, entrato a far parte dell’élite degli allenatori più vincenti della storia del club. Il “Demone” ha tutte le intenzioni di rimanere a Milano per proseguire un progetto che ha già abbondantemente dato i suoi frutti.

La fame di vittoria dell’ex Lazio è ancora tanta, come lo è nei suoi giocatori. Parlare di bandiere al giorno d’oggi è un azzardo, ma ci sono i presupposti perchè calciatori come BarellaLautaroDimarco Bastoni seguano l’esempio dell’ex compagno Handanovic. Lo sloveno, dopo undici stagioni da portiere, è ancora inserito nell’ambiente Inter, in cui è pronto a ricoprire un nuovo ruolo.

Inter, Handanovic pronto ad un nuovo ruolo: cosa filtra

Secondo l’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, l’ex estremo difensore potrebbe intraprendere la carriera da allenatore partendo dall’under 17 nerazzurro. La società vuole affidare ad Handanovic un ruolo fondamentale nelle giovanili del club. Dal canto suo lo sloveno si sta preparando a questa nuova avventura con corsi di specializzazione e seguendo molti partite “con la lente d’ingrandimento”.

Handanovic allenatore dell'under 17
Samir Handanovic allenerà l’under 17 dell’Inter (LaPresse) – spaziointer.it

A un anno dal suo addio al calcio giocato, Samir cambierà subito mansione. L’ex portiere svestirà infatti i panni dell’osservatore, con un occhio di riguardo a quelli che potrebbero essere i suoi eredi in futuro, per indossare quello di mentore delle generazioni più giovani. A lui spetterà il compito di forgiare e portare a maturazione nuovi talenti che possano seguire le orme di uno come Federico Dimarco, il quale si è fatto tutta la trafila, unita a tanta gavetta, prima di sbocciare.

A proposito di Settore Giovanile, c’è aria di cambio nella rappresentativa Primavera. Dopo tre stagioni alla guida dell’under 19, Christian Chivu è destinato a salutare. Il rumeno, il quale si augura di concludere l’annata con il secondo trionfo, vuole compiere il salto tra i grandi. Su di lui si è fatto avanti l’Ajax, intenzionato ad affidargli il ruolo di vice per due anni per poi promuoverlo ad allenatore.

In caso di addio dell’ex terzino, Andrea Zanchetta, già tecnico vittorioso nell’under 17, è pronto a subentrare a partire da luglio.

Impostazioni privacy