Inter, Marotta rassicura i tifosi: l’annuncio sul futuro

Le parole dell’AD nerazzurro alla cerimonia di premiazione dell’Ambrogino d’Oro, conferito a tutta la squadra

Tempo di festeggiamenti in casa Inter: nella giornata di ieri Marotta, Lautaro, Thuram e Frattesi hanno preso parte alla 29ª edizione del Premio Gentleman mentre domenica si svolgerà la consueta cerimonia di premiazione della squadra vincitrice del campionato, da parte della Lega Serie A, con capitan Lautaro pronto ad alzare il trofeo.

Nella mattinata di oggi invece la squadra è stata protagonista, a Palazzo Marino, della cerimonia di premiazione dell’Ambrogino d’Oro, conferito dal sindaco Beppe Sala alla dirigenza, lo staff e i calciatori nerazzurri.

Nel corso dell’evento oltre al sindaco Sala, che in particolare ha apprezzato Lautaro per ”il suo essere così milanese”, sono intervenuti anche mister Simone Inzaghi, e i dirigenti Antonello e Marotta. Quest’ultimo in particolare è intervenuto, seppure in maniera molto velata, sulla situazione societaria dell’Inter e sul presidente Zhang, a cui ha riservato parole di stima.

Marotta:”Inter società a posto. Ringraziamo Zhang”

L’amministratore delegato dei nerazzurri è dapprima intervenuto elargendo ringraziamenti a tutte le figure del club e soffermandosi sulla forza sociale dello sport e del calcio in particolare:”«Abbiamo in mente le ali di folla durante la festa scudetto, questo dimostra come lo sport possa essere un fattore sociale. Oggi il riconoscimento principale dobbiamo darlo ai veri attori, i giocatori in campo, ma nel mondo dello sport non c’è squadra che vinca che non abbia alle spalle una società forte. Ringraziamo tutte quelle figure che non sono sotto la luce dei riflettori che ci hanno permesso di raggiungere la seconda stella».

Marotta sull'Inter:''società a posto''
Marotta elogia la società e il presidente Zhang (ansa) SpazioInter.it

Necessario poi un passaggio sul presidente Zhang, ringraziandolo per il lavoro svolto fino a questo momento:”Vi porto i saluti del presidente Zhang, che non ha potuto partecipare a questa manifestazione, ma che non ha mai fatto mancare l’affetto e la sicurezza. Siamo una società a posto, ha fortemente applicato il criterio della delega. Non è qui con noi e soffrirà di questa mancanza, gli siamo riconoscenti per tutto quello che ha fatto in questi anni, hanno profuso capitali e fiducia.”

”Siamo una società a posto”, una frase sicuramente non scontata visto il momento delicato che l’Inter sta vivendo in questi giorni: Zhang sta facendo di tutto per chiudere la trattativa con Pimco che porterebbe all’Inter gli introiti necessari per venir meno alle obbligazioni nei confronti del fondo Oaktree, 375 milioni di euro da versare entro il 20 maggio.

Impostazioni privacy