Recompra Fabbian, Marotta fa chiarezza: la rivelazione in diretta

Prima del fischio d’inizio del match pomeridiano del sabato: Bologna-Inter, Beppe Marotta ha parlato ai microfoni di DAZN.

Prima della gara decisiva di mercoledì 13 in Champions League contro l’Altetico Madrid, l’Inter si prepara ad affrontare il Bologna al Dall’Ara per la ventottesima giornata di Serie A. I nerazzurri sono alla ricerca della decima vittoria consecutiva in campionato, ma c’è anche da ammettere che i rossoblù sono nel loro momento migliore e non perdono tra le mura di casa da quattro partite di fila quindi non sarà comunque una gara da sottovalutare, ecco perchè l’obiettivo resta invariato: vincere e portare a casa i tre punti. Dall’altra parte la squadra di Thiago Motta vuole tenersi stretto il quarto posto in classifica.

Beppe Marotta prima del fischio d’inizio di Bologna-Inter: le parole

Per la gara del sabato pomeriggio Simone Inzaghi avrà nuovamente a disposizione Calhanoglu, mentre ci sarà un piccolo turnover per  Dimarco, Lautaro Martinez e Pavard che riposeranno per recuperare le forze per mercoledì. Tornano come titolari dal primo minuto sia Thuram che Acerbi.

Le dichiarazioni di Marotta
Le parole di Marotta verso Bologna-Inter (lapresse) spaziointer.it

Prima del fischio d’inizio del match ai microfoni di DAZN ha parlato Beppe Marotta, di seguito le sue parole:

Sulla partita di oggi:

“Permettetemi di fare gli auguri al mondo interista perché oggi ricorre il 116esimo compleanno.
Questa è una partita complementare a quella di mercoledì, oggi dobbiamo consolidare il primo posto mentre a Madrid dobbiamo passare il turno. Il minimo comun denominatore è vincere”.

Su Fabbian:

“Siamo orgogliosi di lui, starà a lui dimostrare di essere da Inter ma ci sono tutti i presupposti per pensarlo. La ricompra non dovrà essere esercitata a fine stagione, c’è un altro anno davanti”.

Fabbian è infatti cresciuto nelle giovanili dell’Inter e presto ritornarci, infatti secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport il centrocampista rossoblù potrebbe ritornare in nerazzurro, magari a partire dal 2025 pagando i 12 milioni per la recompra dopo averne ricevuti cinque per la cessione.

Sulla corsa scudetto:

“Ci sono ancora tante partite e punti a disposizione per le avversarie, dobbiamo continuare a fare prestazioni da Inter”.

Nonostante le parole di Marotta sulla corsa scudetto ancora aperta, l’Inter ad oggi è a più 16 punti sul secondo posto e deve ancora giocare la partita di oggi contro il Bologna e potrebbe portarsi addirittura a più 19 per una notte, attendendo Juve e Milan che sono impegnate domani pomeriggio rispettivamente con Atalanta ed Empoli. Dunque a livello di numeri la distanza dei nerazzurri è molto ampia per essere superata, però è pur vero che il calcio è sempre imprevedibile.

Impostazioni privacy