“Sono il migliore”, Calhanoglu sicuro di sè: bordata ad altri top player

Hakan Calhanoglu si è aperto in un’intervista a Dazn, affermando parole che faranno discutere molto di lui.

Il centrocampista turco sta vivendo una stagione stratosferica e, più in generale, da quando è all’Inter si è consacrato come uno dei centrocampisti migliori a livello internazionale. Prima di vestire il nerazzurro, il turco aveva giocato sempre come mezzala o trequartista, quindi nella zone vicino alla porta avversaria; Simone Inzaghi l’ha reinventato regista e il classe 94 sta performando alla grande. Questa stagione sono 11 i goal fin qui per lui: incide tanto il fatto che sia rigorista e che l’Inter abbia avuto molti rigori concessi a favore.

Nonostante ciò le sue prestazioni sono sugli occhi di tutti e ciò che stupisce di più è con quanta facilità si sia calato nel nuovo ruolo e soprattutto con quanta serenità giochi il pallone anche in situazioni difficili.

Non stupisce la qualità e l’eleganza del giocatore ma le sue giocate fanno sempre spalancare gli occhi di stupore, come la verticalizzazione per Dimarco contro la Juve che lo stesso numero 20 dell’Inter ha commentato così: “Cercherò sempre quel tipo di passaggio. Mi piace verticalizzare subito in avanti. Prima che mi arrivasse la palla avevo già visto Dimarco che correva“.

Proprio questo suo reinventarsi ha fatto sì che ai microfoni di Dazn, l’ex Milan dichiarasse di essere il miglior regista al mondo.

Arroganza o verità?

Mi metto davanti a Rodri, Kroos, Kimmich ed Enzo Fernandez. Perchè i goal che riesce a fare io non sono simili a quelli che fanno loro“, ha affermato il nerazzurro, dimostrando grande sicurezza dei propri mezzi e anche una certa conoscenza dei suoi pari ruolo. Tutti coloro che ha nominato sono grandi campioni e alcuni sono solo da poco sotto la luce dei riflettori, come Rodri ed Enzo.

Calhanoglu non ha guardato in faccia nessuno, ma è bene precisare che ha dato merito ai compagni di reparto Barella e Mkhitaryan che lo aiutano molto in fase difensiva.

Calhanoglu: "sono il miglior regista al mondo"
Il 30enne nerazzurro dichiara di essere il regista più forte al mondo (ANSA) nuoveovoci.it

Le dichiarazioni di Calhanoglu faranno discutere e si vedrà se i giocatori interessati risponderanno alle sue dichiarazioni. È giusto che lui si senta il più forte, ogni grande campione deve avere una dose di arroganza per poter fare certe giocate elevandosi sopra gli altri.

Da quando è all’Inter il turco sta dimostrando di essere un leader dentro e fuori dal campo e la crescita dei nerazzurri è dovuta anche alla sua capacità di gestire situazioni difficili. Per ora Inzaghi se lo coccola e spera di averlo per più tempo possibile.

Impostazioni privacy