“Io come Simeone all’Atletico?”, Inzaghi allo scoperto: annuncio sul futuro

È tempo di Champions League per l’Inter di Simone Inzaghi. I neroazzurri sono pronti a sfidare l’Atletico Madrid del ‘Cholo’ Simeone.

L’Inter di Simone Inzaghi si prepara a tornare sotto i riflettori della UEFA Champions League. Dopo aver superato la fase a gironi, piazzandosi dietro al Real Sociead, la squadra nerazzurra adesso si appresta ad affrontare il primo round degli ottavi di finale contro l’Atletico Madrid del ‘Cholo’ Simeone.

Dopo l’ultima vittoria superlativa ottenuta in campionato ai danni della Salernitana, l’Inter di Simone Inzaghi è pronta ad ospitare l’Atletico Madrid tra le mura amiche dello stadio San Siro per il match d’andata degli ottavi di finale di Champions League. I nerazzurri scenderanno sul manto erboso della scala del calcio domani sera alle ore 21:00. In vista della sfida, quest’oggi ha parlato mister Simone Inzaghi, in occasione della consueta conferenza stampa pre gara.

Inzaghi in vista dell’Atletico Madrid

L’Inter di Simone Inzaghi si avvicina al match di Champions League con uno stato psico-fisico al massimo, frutto della serie di risultati messi a segno in campionato e della vittoria in Supercoppa Italiana. I nerazzurri sono in testa alla classifica di Serie A e nell’ultimo weekend hanno allungato ulteriormente dalla seconda in classifica. I ragazzi di Inzaghi, di fatto, si sono portati a +9 proprio dalla Juventus, uscita con un pareggio dalla trasferta di Verona.

L’Atletico Madrid, attualmente quarto in classifica, si proietta alla sfida di domani dopo aver rifilato una cinquina al Las Palmas. Vittoria che la squadra di Simeone ha ritrovato dopo due ko di fila contro Bilbao e Siviglia.

Inzaghi in vista dell'Atletico
Inzaghi alla vigilia della sfida di Champions League – (LaPresse) SpazioInter.it

Di seguito le parole di Inzaghi:

SU SIMEONE: “Domani sarà un piacere ritrovarlo, è stato un grande compagno di squadra. Siamo rimasti in contatto negli anni, si capiva che sarebbe diventato un grandissimo allenatore, basta vedere ciò che ha fatto con l’Atletico. Ha vinto tanto ed è un piacere veder giocare la sua squadra”.

SULLA CHAMPIONS: “Sappiamo ciò che abbiamo fatto l’anno scorso, abbiamo vissuto notte magiche e noi vorremmo rifarlo. Ci sono grandi squadre con le stesse aspirazioni, l’Atletico ha qualità e quantità, ma ce la giocheremo alla grande. Servirà la vera Inter”.

SULL’ATLETICO: “L’atletico ha giocatori di ottima qualità, non posso prevedere come andrà, sono una grande squadra e giocano bene a calcio. I loro hanno grande esperienza, sarà una grande gara. Queste partite vengono decise dagli episodi”.

SUL TURNOVER: “L’anno scorso abbiamo fatto gli ultimi tre mesi bene cambiando 8-9 giocatori ogni tre giorni, tutti stavano bene e era la soluzione migliore. Da ora giocheremo ogni 72 ore e sarà più difficile. In 20 giorni può cambiare tutto nonostante il distacco che abbiamo in campionato, dobbiamo guardare partita per partita. Dopo l’Atletico penseremo al Lecce”.

SULLA GARA: “Potrei ripensare agli ottavi dell’anno scorso, è una squadra determinata e gli allenatori sono stati due miei ex compagni. Sarà difficile, questi giorni abbiamo cercato di prepararla al meglio. Dovremmo essere bravi a leggere i momenti della gara”.

SUL FUTURO: “Difficile fare come Simeone all’Atletico, in 20 giorni cambiano giudizi su giocatori e allenatori. Bisogna lavorare tanto, abbiamo fatto sei mesi nel migliore dei modi ma i prossimi tre saranno i più importanti, decisivi per le nostre sorti. Fa piacere portare questo clima, ogni allenatore sogna l’atmosfera che c’è a San Siro, gratifica il nostro lavoro”.

SUL CAMPIONATO: “Noi guardiamo solo noi stessi, sapendo che mancano 14 partite alla fine, un’enormità. Abbiamo visto cosa è successo dal 20 gennaio, siamo partiti per Riad ed eravamo a meno 1. Ora c’è un discreto vantaggio ma bisognerà essere concentrati anche quando dormiamo”.

SULLA FORMAZIONE: “Non ragiono su due partite. Per quanto riguarda domani: tutti e 20 vogliono giocare, domani farò delle scelte. C’è qualche assenza, Cuadrado, Acerbi e Sensi, gli altri stanno bene”.

SUL RENDIMENTO: “C’è sempre margine di miglioramento, quando vinci c’è più piacere ma bisogna sempre fare un’analisi attenta”.

SU SANCHEZ: “Thuram e Lautaro stanno giocando di più ma allo stesso tempo sono contento di Sanchez e Arnautovic. Si allenano nel migliore dei modi e ci danno una grande mano”.

CAMBIO DI FILOSOFIA DELL’ATLETICO IN EUROPA – “Ogni allenatore fa il calcio a modo suo. Per quello che ho visto quest’anno, l’Atletico ha fatto un pressing ultra offensivo, che usa bene i braccetti e che palleggia in maniera ottima. Sono stati sfortunati nella Supercoppa Spagnola, ma stanno facendo ottimi risultati nel complesso”.

INTER TRA LE FAVORITE – “Probabilmente può essere una conseguenza di quello che stiamo esprimendo. Noi dobbiamo rimanere concentrati e fare quello che abbiamo fatto fino ad oggi. Abbiamo ottime certezze e principi di gioco. Affronteremo ogni gara nel migliore dei modi e ci giocheremo le nostre carte al meglio”.

COME PREPARARE UNA SFIDA CONOSCENDO L’AVVERSARIO DA TEMPO – “È più di due mesi che sapevamo che giocavamo con loro, e quindi abbiamo visto per due mesi e mezzo chi affronteremo. Oltre alla quantità, hanno una grande qualità in tutti i reparti. Inoltre hanno una rosa lunga e sicuramente tutti saranno importanti per loro”.

 

Impostazioni privacy