Marotta: “Speriamo Lautaro possa diventare un simbolo”, poi su Zielinski

Le dichiarazioni dell’amministratore delegato dell’Inter pochi minuti prima del fischio d’inizio della partita in trasferta a Bergamo.

Questo pomeriggio l’Inter scende in campo a Bergamo per sfidare l’Atalanta dell’ex Gian Piero Gasperini nell’undicesimo turno di Serie A. La Dea sta vivendo un ottimo momento in questo avvio di campionato e si trova a soli sei punti di stacco dall’Inter che è la capolista.

Marotta spiega come mai Scamacca non è arrivato all’Inter in estate

Nel prepartita l’AD nerazzurro, Beppe Marotta, è intervenuto ai microfoni di DAZN per parlare di molti temi legati al presente e al futuro della società di Viale della Liberazione. Queste tutte le risposte di Marotta alle domande dei giornalisti di DAZN a pochi minuti dal fischio d’inizio del match.

Sul messaggio che darebbe una vittoria: “Dare continuità alle nostre prestazioni. Siamo in una fase interlocutoria, la classifica conta relativamente ma si evidenziano i valori delle squadre che sono davanti tra le quali c’è l’Atalanta. Sarà sicuramente una bella partita”.

Su Scamacca: “Sono stati fatti tanti sondaggi per diversi profili tra cui anche Scamacca, l’obiettivo era avere un reparto offensivo con quattro elementi di qualità perché gli impegni sono tanti. Ci siamo poi tirati indietro perché non c’erano più le condizioni. Quando si dice che Scamacca ha scelto l’Atalanta rifiutando l’Inter forse non è vero. Ha fatto una scelta e siamo andati su altri obiettivi”.

Su Lautaro: “È un ragazzo maturo e un professionista serio. Ha capito che l’Inter può dare a lui quella certezza utile nella sua carriera professionale. Oggi è anche il capitano dell’Inter e questo è motivo di vanto e orgoglio. Noi siamo lusingati e la speranza è che possa rimanere come simbolo. Da qui al futuro però non si può prevedere nulla. Le condizioni sono quelle che lui ha spiegato in modo esplicito, continuare con la sua avventura con noi e siamo contenti. Rinnovo? Non è una tempistica breve perché rinegoziare contratti non è una priorità tra persone per bene, così come anche i suoi compagni. Al momento giusto speriamo di poter annunciare per lui e per tanti altri giocatori il prolungamento”.

Marotta pre Atalanta-Inter
Le dichiarazioni di Marotta nel prepartita di Atalanta-Inter, match valido per l’11° turno di Serie A (LaPresse – SpazioInter)

Su Zielinski: “Quando si parla di giocatori svincolati se sono bravi come Zielinski vengono abbinati a club come l’Inter. In questo momento non c’è nessun approccio, Ausilio e Baccin sono sempre attenti a monitorare quello che è il futuro e il mercato. Hanno tanti nominativi, poi trarremo le conclusioni. Saranno però lui e il Napoli a dover decidere il futuro”.

Sul rapporto con Ausilio: “Nel calcio moderno si deve parlare di team, abbiamo come società abbiamo responsabilità, visioni e competenze. Tutti insieme seguiamo un modello e c’è spazio per lavorare bene per tutti e lo stiamo facendo nel migliore dei modi”.

Impostazioni privacy