Sei qui: Home » Copertina » L’Inter vince ancora: “È da Scudetto?”, Inzaghi risponde sicuro

L’Inter vince ancora: “È da Scudetto?”, Inzaghi risponde sicuro

L‘Inter vince il big match contro l’Atalanta, e porta a casa tre punti fondamentali.

A parlare della vittoria, mister Inzaghi, ai microfoni di Sky Sport e Dazn:

Vittoria importantissima. A Bergamo è sempre difficile. I primi 25 minuti abbiamo fatto male, di solito approcciamo bene alle gare, oggi meno per merito degli avversari. Abbiamo pagato l’uomo contro uomo, siamo stati lenti con la palla all’inizio. Poi siamo stati bravi a pareggiare e abbiamo fatto un buon secondo tempo. Stiamo continuando a recuperare punti sulle avversarie“.

L’anno scorso avevamo 34 punti dopo 15 partite e avevamo subito qualche gol in meno. Eravamo terzi in classifica, ma ora quest’anno il Napoli sta tenendo un bel passo, però noi dobbiamo continuare a vincere. Oggi è stata una vittoria da squadra. Non puoi concedere il gol su calcio d’angolo, ma penso sia un problema generale di squadre, tranne una che sta facendo un campionato a se. Ora abbiamo 45 giorni per riprenderci e limare gli errori, e poi al rientro recupereremo molti giocatori“.

LEGGI ANCHE:  VIDEO - Mondiale, Belgio eliminato: Lukaku furioso rompe la panchina con un pugno

“Le vittorie sono uguali a quelle dell’anno scorso, abbiamo fatto quattro sconfitte al posto di quattro pareggi. Rigiocherei tutte le partite in cui abbiamo perso”.

Inzaghi Atalanta Inter

Atalanta-Inter, lnzaghi su Dzeko

Questa sosta è una novità per tutti, noi continueremo a lavorare, anche se saremo in pochi, e andremo a Malta per due amichevoli. Al rientro troveremo il Napoli è sarà importante“.

Chi rimane resta ad Appiano, poi ci saranno due settimane di riposo e riprenderemo il 2 dicembre“.

Dzeko è preziosissimo, è un valore aggiunto, lui è stato il primo nome che ho fatto dopo la cessione di Lukaku. Marotta e Ausilio sono stati bravissimi a portarmelo in 10 giorni. Sul rinnovo se ne occupa la società io penso al campo, però lo rinnoverei“.

Tatiana Digirolamo