Sei qui: Home » News Inter » “Inter-Barcellona, partita della svolta?”: Inzaghi predica calma!

“Inter-Barcellona, partita della svolta?”: Inzaghi predica calma!

Quella dell’Inter stasera è stata una partita di cuore si, ma anche di tanta testa, la squadra di Simone Inzaghi non è mai uscita dalla partita ha sempre mantenuto alta la concentrazione, ha difeso per 98 minuti e alla fine ce l’ha fatta, senza neanche rischiare tanto, e ha portato a casa la vittoria.

Al termine della partita, Simone Inzaghi, ha parlato ai microfoni di Sky Sport, di seguito le sue dichiarazioni:

Sembrava una partita impossibile sulla carte e invece…Cosa sta pensando ora?
“Ieri ho detto che si trattava di una grandissima occasione contro una delle squadre più forti. Abbiamo fatto la partita che andava fatta, determinata e aggressiva. Una serata che aspettavamo da tanto tempo, non abbiamo fatto nulla ma siamo contenti specie per i tifosi. Una serata importante che rimarrà”.

Cosa ha detto ai giocatori per affrontare questa partita?
“Ero dispiaciuto per il risultato con la Roma, non per la prestazione. In questo momento paghiamo ogni disattenzione, serate come queste fanno bene ma sabato dovremo recuperare energie perché affrontiamo una squadra in forma. Spero di non perdere altri giocatori, penso di no perché gli affaticamenti non sembrano gravi. Ora dobbiamo recuperare punti in campionato”.

Inzaghi DichiarazioniSky InterBarcellona
Inzaghi DichiarazioniSky InterBarcellona

Questa vittoria può essere un punto di svolta?
Penso sia l’inizio, vedendo il Barça dal vivo è ancora più forte. E’ stata una bella vittoria, studiata”.

Questa vittoria rappresenta anche una rivincita?
“Non cerco rivincite. Succedono questi momenti, ma li affronto a testa alta sapendo che in questi 15 mesi ho fatto ottime cose col mio staff. Stasera ho visto una squadra compatta, e solo così si ottengono vittorie del genere”.

Su una scala da 1 a 10, quant’è felice questa sera?
“Sono contento per tutte le componenti, questi ragazzi tre mesi fa mi hanno regalato due trofei e ora sono i primi a essere consapevoli che c’è del terreno da recuperare”. 

Tatiana Digirolamo