Sei qui: Home » News Inter » Deulofeu sicuro: “Il punto debole dell’Inter è lui”

Deulofeu sicuro: “Il punto debole dell’Inter è lui”

Gerard Deulofeu in un’intervista fatta al Mundo Deportivo ha analizzato tutti i giocatori dell’Inter:

HANDANOVIC –Molto bravo, ricordo che l’anno scorso mi prese una punizione incredibile. È un buon portiere, con tanta esperienza. Per passare così tanti anni all’Inter a quei livelli devi essere molto bravo“.

ONANA –Lo conosco dalla Primavera. Fisicamente ha condizioni incredibili, ha giocato benissimo all’Ajax. Vediamo se piano piano troverà il suo posto all’Inter“.

SKRINIAR – Top tre dei difensori centrali del campionato. Fisico, forte, con tanta voglia di vincere, un difensore incredibile“.

BASTONI – Un ragazzo giovane, che sta uscendo adesso, con un bel fisico, ben organizzato. Penso che è molto fortunato a essere al fianco di giocatori come Skriniar per maturare“.

DIMARCO –Un giocatore un po’ più impulsivo, che va avanti e indietro, che lascia un po’ più di spazio. Ricordo di averlo visto come un piccolo punto debole dell’Inter, che tirava tanto in attacco. Impulsivo“.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato, Lazaro verso il riscatto con il Torino: quanto incasserà l'Inter

BARELLA – Per me un fenomeno. L’altro giorno gli ho chiesto la maglia. Contro di noi ha segnato una grande punizione, è la bandiera dell’Inter. Fatte le dovute proporzioni, è lo Xavi dell’Inter. Vuole vincere, vuole portare in alto l’Inter“.

BROZOVIC – Lui è la bussola. Si offre tutto il tempo. Noi, con il mio lavoro di centrocampista sul suo perno difensivo, penso che lo abbiamo annullato molto bene, ho fatto un ottimo lavoro. Lui è quello che sa gestire il giocare in modo più organizzato, vede molto bene la partita. Nonostante il Barça sia molto attento a se stesso e al tocco, abbiamo dovuto pensare alle qualità dell’Inter e coprirle“.

LUKAKU –Il mio ex compagno all’Everton. È un fenomeno, gli ho fatto tanti assist. È una bestia, devi controllarlo molto. Un po’ meno fuori area, ma in area devi controllarlo, perché è attaccante nato“.

Elio Granito