Sei qui: Home » News Inter » ”Lautaro come Milito?” La risposta dell’ex dirigente dell’Inter!

”Lautaro come Milito?” La risposta dell’ex dirigente dell’Inter!

Marco Branca ha rilasciato un’intervista per Tuttosport, da ex sia dell’Udinese sia dell’Inter, in vista di Udinese-Inter di domenica alle 12 e 30.

”Contro questa Udinese, non sarà semplice per l’Inter”.

Sull’inizio di campionato dell’Inter:

”Di assestamento”.

Sull’errore di Radu, che può essere colpevole anche di questo inizio di campionato:

Può essere che la botta di aver perso il campionato non sia ancora stata superata”.

Sull’inizio di campionato senza Lukaku:

”Penso che quello che manca di più sia uno come Perisic, che l’anno scorso ha fatto un grandissimo campionato. Ora devono trovare automatismi”.

Se farlo partire è stato un errore:

Non si poteva fare altrimenti, perché lui voleva provare l’esperienza in Premier League prima di fine carriera. Era a fine contratto, sono stati fatti dei tentativi, ma capisco Ivan, non c’era motivo per cui non dovesse togliersi questa soddisfazione personale”.

Sulle aspettative forse troppo alte su Gosens:

”È arrivato a Milano che non stava bene, ora credo possa avere bisogno di più tempo per poter tornare ai suoi livelli. Per me è un ottimo giocatore”.

Lautaro Milito Inter

Se Lukaku possa tornare decisivo come ai tempi di Conte:

”Dzeko è bravo, anche Lautaro è bravo. Sono tutti bravi davanti, ma le gare si vincono giocando da squadra. Non con un solo giocatore”.

Su Dybala alla Roma:

”Non può essere un rimpianto. Non c’è. Bisogna guardare avanti e pensare a chi c’è”.

Sul confronto tra Lautaro e Milito:

”Glielo auguro. Ha le caratteristiche per essere un giocatore completo, ha tutto: segna di testa, di destro, di sinistro, su rigore. Ha le caratteristiche per essere completo”.

Sulla questione Skriniar e come si sarebbe mosso lui:

”Da un punto di vista sportivo no, però poi ci sono degli altri aspetti da soddisfare che solo la società conosce. Essere riusciti a trattenerlo è un vantaggio per l’Inter, Milan non si può discutere”.

Sul momento di difficoltà del difensore e se può essere legato al mercato:

”Certamente può esser stato influenzato negativamente dalle voci di mercato anche perché lui si è sempre dimostrato legato a questa società. Probabilmente ha vissuto questa situazione con un po’ di stress. E come tutta la difesa deve ritrovare i giusti automatismi”.

Se l’Inter può passare il girone lottando con il Barcellona:

”È un girone complicato. Ma a questa Inter basta una sola grande prestazione per sbloccarsi, ritrovarsi e non fermarsi più. Se una squadra come l’Inter ritrova il bandolo della matassa può giocarsela con chiunque”.

Sulle critiche ad Inzaghi:

”È normale, fa l’allenatore dell’Inter. Tutti gli allenatori ai primi pareggi sono in discussione. A me piace molto come fa giocare la squadra”.

Sulla favorita per lo scudetto:

”È presto per indicarne una sola. Se la giocheranno le solite. Le solite grandi saranno le principali. Quindi Milan, Inter, Napoli e Juventus”.

Giacomo Pio Impastato